domenica 5 febbraio 2012

Restauri! Restauri! Restauri!


Spesso le napoletane antiche erano dotate di un manico in legno.
Molto spesso però il manico non c'è.
Scomparso.
Beh, basta ricostruirlo no?
Ma quando avrete un innesto di questo tipo le cose saranno un pò più complicate...
Allargatelo e sollevate il lembo esterno (delicatamente)
Poi, al tornio che sicuramente avrete in cantina andrete a lavorare il nuovo manico.
In questo caso ho sfruttato la gamba di un comodino abbandonato nei pressi di un cassonetto della Caritas...
Terminata la tornitura avrete la zona dell'innesto più larga, a misura per essere inserita nell'alloggiamento, seguita da una gola più stretta.
Il bordo metallico dovrà quindi essere spinto delicatamente nella gola che avrete creato.
Il passo successivo consisterà nel dare al manico una parvenza di antico: tinture all'anilina, gommalacca, olio di lino, cera d'api... ogni restauratore ha la sua ricetta ed i suoi trucchi segreti.

Una volta asciutto e lucidato, il manico sarà pronto, quindi potrete iniziare a ripulire il metallo, come già ampiamente spiegato nei precedenti post.
Curiosi di vedere il risultato finale?


Nessun commento:

Posta un commento

Simpatica intervista alternativa

 Buona lettura! 😁 https://mag.sensaterra.com/it/2021/01/14/il-collezionismo-piu-di-700-caffettiere-antiche/