lunedì 3 agosto 2015

La tecnica "barbara" dell'acqua fredda

"Se il caffè non sale, ovvero non esce, basta mettere la moka sotto l'acqua fredda e... uscirà"
Quante volte ho sentito dire questo assioma.
E sinceramente  ero molto dubbioso a riguardo: com'era possibile che un raffreddamento esterno della caldaia permettesse al caffè di uscire?
Era contro ogni logica.
Il calore permette all'acqua di formare il vapore, che poi la spinge attraverso il caffè macinato...
Non l'acqua fredda!
Poi un giorno l'ho visto dal vero.
Non era una bufala.
Non era una leggenda urbana.

Ho iniziato a ragionare. Tecnicamente.
Se il vapore non riusciva a spingere l'acqua attraverso il filtro il motivo poteva essere uno soltanto: la guarnizione non era più sufficientemente elastica e parte del vapore se ne usciva attraverso la filettatura (che permette alla caldaia di avvitarsi alla cuccuma superiore).

Sostituita la guarnizione il caffè ricominciava a fuoriuscire "naturalmente" dal camino senza più dover raffeddare la caldaia.
Quindi la colpa era comunque della guarnizione.
Ed ora, dopo mesi e mesi di studio (sto ovviamente scherzando) sono in grado di svelare al mondo questo mistero!
 Riempiamo la nostra moka di acqua (sempre sotto alla valvola di sicurezza!)
 Dopo avere posto la moka sul fuoco, l'acqua in essa contenuta inizia a vaporizzare sempre più intensamente (la zona grigia) fino al punto di aumento esponenziale della pressione che avviene dopo circa  250 secondi
 A questo punto la pressione interna, che dovrebbe salire da 1 a 1,9 bar nei successivi 70 secondi, inizia a far fuoriuscire il vapore dalla filettatura (sempre per colpa della guarnizione secca o della montagnetta di caffè (per chi insiste a riempire il filtro a dismisura), che, una volta avvitate le due parti, si spalma delicatamente sulla guanizione impedendo una coretta tenuta tra gomma e metallo.
 A questo punto immergiamo la moka (o la poniamo sotto un getto d'acqua) e il vapore condensa rapidamente passando dallo stato gassoso a quello liquido.
Come ben sapete un solo litro d'acqua quando vaporizza occupa uno spazio decisamente grande: 1244 litri!
Per questo motivo in questo caso otteniamo le stesse modalità dei sistemi Vacuum e quindi la condensazione crea al di sopra del pelo d'acqua un vuoto che risucchia rapidamente l'aria esterna all'interno della moka, sempre attraverso le vie di fuga della guarnizione.
 L'aria spinge con forza l'acqua che inizia a salire lungo il filtro...
Ed ecco il "miracolo".
Un metodo barbaro.
Un caffè terribile.
Che molti continuano a bere da anni inconsapevolmente.

Ora non avrete più scuse.
Cambiate la guarnizione!
E smettetela di fare le montagne di caffè.

Nessun commento:

Posta un commento

Il test definitivo della moka

Ma che titolo pomposo! In realtà non c'è nulla di definitivo: ogni test è un esperimento quasi unico, ma oggi ho voluto farne sei p...