Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2011

Doppi sensi al caffè.

Le opinioni sono sempre soggettive. Per questo non mi permetto di contestare quelle delle 2 simpatiche brunette che vedrete in questi video. Vi consiglio caldamente di vederli entrambi fino alla fine.
Il primo ci proietta nel mondo Nescafè:  preparatevi ad una tempesta di doppi sensi "ormonali",  conditi da immagini a dir poco inquietanti.
Il secondo è l'apoteosi della surrealità, con un finale che  vi lascerà... di sasso.

Gita a Dosson di Casier... come sognare ad occhi aperti! (parte 2)

Dov'eravamo rimasti? Ah si... Ad un sogno meraviglioso.

Una Giussani ed una Campidoglio ci regalano un pizzico di anni '20... 
Alla sinistra uno dei miei desideri... la Semiautomatica. Quella a destra invece mi sembra di conoscerla...
Fedele compagna di migliaia di caffè!
Che macchine! Che emozioni!
Qui sopra fa bella mostra di sè la mia dolce sposa, sempre entusiasta di condividere con me questa passione .
 E per concludere...
Un saluto a tutti da Lvx!
Dopo tanti anni "ci ho pure messo la faccia" ....

Mercato impazzito!

Ebay. Luogo d'incontro di appassionati e ... di mercanti. Dimenticate il "la voglio ad ogni costo!" Le regole per chi vuole "rischiare" un'asta sono sempre le stesse: stabilite a priori il vostro prezzo massimofate la vostra offerta quando mancano 30 secondi al terminediffidate SEMPRE dalle aste dove compaiono molteplici offerte fatte da utenti "sospetti" con feedback inferiori a 10;  ebbene si, sono gli stessi venditori che si autorilanciano per invogliare gli ingenui. L'acquirente tonto pensa che il valore di un'oggetto dipenda dal numero di offerte.
Nel nostro settore ci sono quei 4 mercanti di macchine espresso e di caffettiere che fanno i furbi. Anzi... i furbetti del mercatino.

Bravi, lo ammetto. Ma da me non avranno mai un centesimo. E spero, da oggi, anche da voi!
700 euro per una Faemina Baby con scatola? 201 euro per una Caravel arancione qualunque? 540 euro per un'Olympia del '67? 236 euro per una brutta Vam? 826 euro per una Olymp…

Kamira

Un giorno vi presenterò nel dettaglio questo piccolo miracolo siciliano. Nel frattempo... gustatevi con me un'emulsione di caffè che oltre ad essere coreograficamente perfetta... E' anche deliziosa al palato!
Guardate tutto il video: non crederete ai vostri occhi!
ps: la musichina di sottofondo è l'inopportuna suoneria del cellulare di mia moglie.

Cinquantamila grazie

Nina e Giuliano. Grande coppia! Cinquantamila lacrime... di gioia!
50.000 visitatori sono tanti, tantissimi, per un blog di nicchia. Ma li considero un premio alla mia costanza. Alla mia perseveranza nelle ricerche. Alla mia gioia di condividere le informazioni con il mondo intero.
Ringrazio tutti gli amici che mi seguono e che mi stimolano a proseguire in questa avventura.
W le caffettiere! W i "veri" collezionisti! W voi tutti!!!!

Gita a Dosson di Casier... come sognare ad occhi aperti! (parte 1)

Alzi la mano chi conosce bene la storia dell'Elektra!
Nessuno?
Non mi sembra strano.


La Elektra, in origine conosciuta come La Tarvisium, è uno dei vanti italiani nel settore delle macchine da bar.
All'estero è famosissima.
Un mito direi.
Macchine di altissima qualità per bar di classe.


Ma nel "bel paese" le cose cambiano: poche macchine fanno bella mostra di sè (ne conosco non più di 3 qui in zona), poca pubblicità, una presenza alla Triestespresso 2010 "quasi d'obbligo". (noblesse oblige...)

Provate a cercarne il sito in Internet... c'è, ma nascosto.  
Se digitate solamente Elektra vi verrà fuori un pò di tutto.


Scelte commerciali indiscutibili, ma è un peccato, perchè le Elektra sono in grado di
"far rallentare il battito cardiaco dell'appassionato".

L'altr'anno il sig.Mario è stato così gentile da ricevere  me e la mia consorte per scambiare quattro chiacchiere, in generale.

Pensavo di essere pronto.
Pensavo di non riuscire ad emozion…

Mario Egi ed Andrea Ivo Novi: Multiexpres Egi Crema Caffè (2)

Ed eccoci ad affrontare in dettaglio il secondo sistema "geniale": quello di aumento della pressione di estrazione. Una volta raggiunta la pressione desiderata (che io stimo in circa 2,5 - 3 bar), la valvola di sicurezza iniziava a fischiare: era giunto il momento di intervenire e spingere verso il basso il pomello nero, il quale permetteva all'acqua di attraversare il macinato e risalire lungo il camino.
Tutta la macchina risulta sovradimensionata per resistere alle maggiori pressioni in gioco.

La parte superiore trasparente è costruita in policarbonato, e non in vetro come potrebbe sembrare in un primo momento.
Il cucchiaino dosatore è marchiato Egi. Qui sotto potrete mettere in pratica le lezioni di Tedesco apprese tanti anni fa... e leggervi le istruzioni.
Notate la grafica anni '60, curatissima in ogni dettaglio.



Concludo con un'immagine della mia macchina, color crema, meno "nuova" di quella del Prof. o di quella dell'Avv. (ebbene si, abbiamo fatto…

For your eyes only...

Vi invito a vedere la mia ultima presentazione fotografica: qualche macchina presa qua e là tra uno scaffale ed una vetrinetta.
Molte sono un'anteprima assoluta, mai pubblicate nel blog. Ebbene si, sono geloso di certi gioielli, e sono timoroso di presentarle, con la paura di banalizzarle.
Ma un video fugace permette a me di non dubitare, e a voi di goderne... visivamente.
(click sul video per passare alla visione su Youtube,  consiglio di visionarlo in HD a 1080p a schermo intero: ci vorrà un pò di tempo per caricarlo, ma vedrete che meraviglia!)

Mario Egi ed Andrea Ivo Novi: Multiexpres Egi Crema Caffè (1)

No, non avete problemi di vista: se vedete sfocato è perchè questa macchina è ancora nel suo sacchetto originale...dal 1963.
Il simbolo meneghino denuncia la sua origine.

I Ventures scrivevano in quell'anno la celeberrima "Wipe out"...
... e nel frammentre Mario ed Andrea Ivo commercilalizzavano la loro creazione.
La macchina fu prodotta dalla Fiorenzato a Padova e successivamente distribuita a Milano dalla ditta Egi.
La qui presente Egi è di proprietà del professor Moretto, lungimirante collezionista piemontese.
Poteva produrre indifferentemente da 2 a 8 tazze di buon caffè.
Due caratteristiche tecniche la differenziavano dalle altre caffettiere: un sistema di filtro a volumetria variabileun sistema di innalzamento della pressione di estrazione La macchina venne prodotta in diversi colori: ad oggi se ne conoscono 4 CelesteRossoVerdeCrema Qui sotto possiamo ammirare il sistema del filtro variabile...

Il piattello forato poteva scorrere assialmente...

... e grazie ad un gambo pesant…

Aquilas per sempre: a pagar e murir a s'è sempar in temp!

L'inquietante pubblicità dell'epoca ci proietta in un mondo che non esiste più.
Un mondo nel quale i neonati avevano le frappe e la cuffietta, ed i levrieri assistevano alle ustioni degli infanti con austera flemma .
(Alberto... svela il mistero di questa immagine!)

Dopo averla vista "sporca e cattiva"... Dopo averla vista "rinata"... Ecco a voi la macchina in dettaglio, per gli amanti dei particolari.
Strano assemblaggio di materiali, diversamente trattati, rendono la vita del collezionista molto dura:
il supporto spesso si arrrugginisce e si buca, la caldaia si deforma, i supporti si dissaldano...

Ogni particolare è marchiato, quasi fosse una necessità per impedirne l'uso su macchine terze.
La caldaia in rame soddisfa l'occhio e conduce egregiamente il calore.
Il tappino del bruciatore, miracolosamente intatto...
Lo stoppino originale è composto da due tipi diversi di fibra legate tra loro.
I filtri sono (stranamente) in alluminio.
Il numero di tazze è eviden…

Aquilas in action

Quando una macchina è "sana" ed arriva sotto le mie grinfie.. deve fare il suo sporco lavoro.
A che serve accumulare caffettiere se poi rimangono sugli scaffali a prendere polvere?

Questa Aquilas, databile attorno agli anni '20, non credeva di poter più erogare alcun caffè.
Triste, abbandonata in qualche soffitta per 70 anni o più...
 Ha avuto la fortuna d'incontrarmi stamattina!
La solita pulitina interna-esterna. E già la sentivo fremere, emozionata quanto me. Un paio di prove... Ed eccola pronta a stupirvi.
Come sempre mi sono commosso. Ed ho voluto abbinare a questo post una canzone in tema: una "nuova nascita".
Profumo intenso di Déjà vu...
E di antiche emozioni.