Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2010

E' nata una stella!

Poche volte vado off topic (fuori tema) su un blog dove si parla solo di caffè e sistemi di estrazioni, ma oggi vi voglio segnalare un'artista conosciuta solo in ambito locale: Serena Ferletti. Serena è un'ondata di colori e di emozioni; difficilmente vi potrà piacere tutta la sua produzione ma è praticamente impossibile che almeno una delle sue opere non vi conquisti e non vi sconvolga intimamente.

Pugni nello stomaco, scoppi di gioia, sorrisi o irrefrenabili tristezze: aspettatevi di tutto.

Purtroppo come nel caso di molte caffettiere la visione attraverso lo schermo del pc è sempre limitante e riduttiva ma vi assicuro che dal vivo soprattutto grazie ad una serie di colori metalizzati o cangianti l'effetto ottico è veramente......d'effetto.

Chi fosse interessato alla visione della maggior parte delle sue opere clicchi qui e si prepari ad un vero e proprio " viaggio fantastico".
Ovviamente l'acquisto dei quadri è limitato alle persone meritevoli e capaci d…

Sostituire le guarnizioni del pistone dell'Elektra Microcasa a leva: il tutorial

Pronti? Via! In tanti mi hanno chiesto di descrivere la sostituzione delle guarnizioni del pistone, e memore di un approccio "fantozziano" di qualche anno fa, e contrariamente a quanto scrivono i colleghi americani, ho voluto disassemblare completamente il pistone. La risposta alla vostra domanda, se ve la siete posta, è si: si possono sostituire lo stesso le guarnizioni, senza rimuovere la molla, ma preparatevi a vivere un'esperienza "mistica".
Quindi ecco qui quello che vi serve: Pinza per rimuovere gli anelli seegerGrasso "55" RhodorsilMorsetto di buona qualitàCacciaspine (anche un chiodo senza punta va bene...)Martello di gommaCacciaviteSpessimetri o lame similariUn paio di spessori in legno Per prima cosa togliete gli anelli seeger dai perni e comprimete la molla. Il punto di appoggio superiore non dovrà essere quello di questa foto, ma l'altro indicato più avanti; avrete un migliore allineamento. Basta comprimerla poco, per liberare il perno più so…

Chiavi di ricerca (10)

Prendo spunto da un blog che non posso citare, (ma che rimane per me un punto di riferimento) per allietare i miei lettori con le frasi-parole chiave che le persone hanno utilizzato nei vari motori di ricerca per arrivare qui.
Alle migliori domande (o frasi sconfusionate) cercherò di dare le mie migliori (!) risposte.
Tanti mi hanno chiesto cosa fossero queste chiavi: questo è un esempio (cliccate qui sopra)
Il giorno 19 gennaio tutti quelli che sono approdati a questo blog, avevano digitato le parole elencate.



D:come fare un buon caffe con la pavoniR: per questo cce stà er mitico Francè.
D: la storia di una caffettieraR: C'era una volta una piccola macchina da caffè...
D: il segreto di un buon caffe con la mokkonaR: No, non ci sono segreti, è tutta amara realtà oggettiva.
D: come togliere il calcare dalle macchine da caffè americaneR: Ovviamente devi usare l'acido citrico... americano.D:perchè quando il caffè non sale nella macchina basta metterla sotto l'acquaR…

Luciano A. (2)

Ho già scritto a sufficenza. Lascierò parlare qualche foto tra le centinaia scattate...
..tutto disposto con tanta cura e gusto..
Una delle vetrine delle meraviglie: notate la chicca?
Una sezione di macchine a leva con al centro il pezzo forte.
Una rarissima Diana Espresso crema caffè..
Qualche vacuum non guasta mai..
Che dire, una parata in piena regola!
Una volta ho visto un tostino.. 
Qualche macinino a muro.. deliziosi!
E terminiamo in bellezza. Grazie ancora Luciano. Un'esperienza fantastica... come te.

Gyarto HMB Minipress

Piccole, carine e deliziose, le macchine da 1 tazza risvegliano in tutti lo stesso istinto che proviamo di fronte ad un cucciolo: ci si commuove per un qualcosa di così piccolo e delicato.
La particolarità di questa microscopica macchina ungherese è la mancanza di un cavo di alimentazione elettrica, perchè la macchina andava collegata direttamente nella presa di corrente.
Ecco spiegato il motivo del manico laterale in bakelite: serviva ad inserire ed estrarre la macchina. Le forme ricordano, anzi ricalcano in molti punti la Stella Wien 402E.
La forma di libellula balza all'occhio nella vista dall'alto.
Il tappo in bakelite riporta la marca: misteriosa e molto.. ungherese.
Qualche dubbio lo solleva sicuramente il bicchiere; molto probabilmente non è originale, ma così l'ho trovata e così sicuramente me la tengo.
E dopo le pulizie di rito, eccola in azione: la resistenza anche con soli 200W di potenza scalda molto rapidamente . L'emozione di aver riportato in vita, novello Fran…

Analisi sociologica del collezionista di caffettiere

In questi ultimi anni ho conosciuto tantissimi collezionisti e (purtroppo) poche collezioniste di caffettiere; ognuno vive ed affronta questa passione nel proprio modo, quello "giusto". Il confronto con gli altri in questi casi aiuta a crescere e ringrazio pubblicamente tutti, ma proprio tutti, per avermi fatto capire chiaramente in quale direzione muovere i miei sforzi. Ma.. anche a capire cosa non fare.
Vorrei raggruppare in categorie certi comportamenti (in alcuni dei quali haimè mi ci posiziono anch'io) che spero faranno sorridere qualcuno e faranno riflettere qualcun altro.
Quello che...  per questo mese basta, ho speso troppo, anzi .. aspetta che controllo ebay!Quelli che...   pensano di sapere TUTTO.  (ndr : a Trieste si usa dire "el MONA sà tutto")Quelli che...   vogliono scambiare la tua Aquilas a spirito con una bialetti anni '70 e si offendono pure se non accettiQuello che...  compra di tutto in maniera compulsiva per poi chiedersi dopo qualche mese …

Luciano A. (1)

In una splendida cittadina piemontese, chiamata nell'antichità Hasta Pompeia, abita il pù grande collezionista d'Europa ,o forse del mondo, di macinacaffè.
Che poi questa sua passione abbia "deviato" anche verso le caffettiere, è veramente un fatto marginale. 60 anni di costanti frequentazioni ai mercatini dell'usato, "quando eravamo in 5 a girare" , gli hanno permesso di accumulare una quantità impressionante di oggetti incredibili e rarissimi, scelti con un gusto ed una sensibilità uniche.
  Luciano è una persona eccezionale, e sua moglie non è da meno! Competente, gioviale, curioso su tutto e mai arrogante: è l'esatto opposto del collezionista medio!
Ed ecco qui sopra ciò che mi ha ripagato dall'aver attraversato mezza Italia: una Martian, posizionata al centro della tavola, in condizioni superbe!
Per poche ore io ed il mio "fratellone" felsineo ci siamo immersi nel mondo di Alice in caffettiermeravigliandia. Si può rimanere senza fiato, ma …