mercoledì 12 luglio 2017

Andorra Express Alpu Puppieni (6 tazze)




Tra i vari cloni della Moka Bialetti la Andorra è una delle mie preferite.
Giocando sul numero delle sfaccettature (10 la Andorra, 8 la Moka) non si rischiavano denunce per plagio.
Anche se... la somglianza è imbarazzante.
1500 lire, un prezzo onesto per la fine degli anni '60.
Il manico della sei tazze è "furbo" in quanto riusciva a prevenire con efficacia le eventuali scottature del dito mignolo.
Questo è uno dei grandi misteri italiani : Andorra o Andorre?
Il signor Puppieni ci teneva a farci sapere di aver acquistato un oggetto pregiato.
Possiamo notare la caratteristica valvola di sicurezza incassata. 
Molto elegante.
La macchina aperta non svela ulteriori segreti.
Concludo con due foto fornitemi gentilmente dalla fam. Puppieni:
qui sopra il cav. Alfonso
e qui sotto il "casco d'oro", la famosa Caterina Caselli
che il 25 giugno del 1967 deliziò gli abitanti di Crusinallo sponsorizzata dalla Puppieni.
La Andorra (o Andorre) Express risultava ben evidente, in bella vista.

Chissà se Alfonso Bialetti era lì quel giorno, in prima fila...


martedì 11 luglio 2017

Verbanus Express - Meazza & Masciardi

Brevetto n°74593
Società Meazza & Masciadri
Casale Corte Cerro
14/10/1959
"Caffettiera a filtro a forma di clessidra formata da due parti a solido di rotazione separate da una fascia cilindrica"
 La famosissima
La bellissima
La celeberrima
La più sexy

La Signora Caffettiera.
 Tutti la conoscono.
Tutti i collezionisti ne possiedono qualcuna.
Qualcuno ha la serie completa.
 Ma oggi non vi voglio presentare la "Nuova Verbanus Express".
Oggi voglio condividere quella che reputo essere la seconda versione della Verbanus Express.
La prima probabilmente aveva il tappo privo di sistemi di ritenzione alla cuccuma.
La seconda fu brevettata il 15/11/1960 (brevetto 81424) con la seguente descrizione:
 "Caffettiera a filtro munita di un coperchio di chiusura che si impegna mediante una molla a lamina."
 Geniale sistema!
Basta appoggiare il coperchio e premere delicatamente.
Click!
 Notiamo il sistema "super filtro" presumibilmente copiato dalla Bialetti, dove mediante una pressa si creava un incavo a forma di croce (o di X) per aumentare leggermente la quantità di caffè all'interno del filtro.
 L'imbuto aveva questo ricalco al temine del tubicino (forse per batterlo e comprimere il caffè?).
 L'uscita del camino già presentava il caratteristico intaglio che spruzzava il caffè verso il basso (soluzione ottimale).

Amo questa caffettiera.
Forse la primissima della mia collezione.
Vent'anni fa.
Se qualcuno fosse in possesso di una Verbanus con coperchio privo di molla... si faccia avanti!

Storie di Omegna: la Bialetti

Voglio segnalare un interessante lavoro prodotto dagli studenti del Liceo Cavalieri: http://www.liceocavalieri.gov.it/didattica/4BC/B...