Passa ai contenuti principali

Caffettiera Moka express Bialetti con Termocrem - (Papetti Pietro parte 2)

Ieri scrissi del signor Pietro Papetti
lasciandovi un quesito:
quale brevetto aveva sviluppato assieme alla Bialetti?
E con quale scopo?

Partiamo da un presupposto che forse non tutti gli italiani sanno:
il caffè prodotto con la moka Bialetti è "diversamente buono".
Direi cattivo.
Questione di temperatura purtroppo: 
la moka estrae il caffè a circa 100°C esaltando così tutta la parte amara.
E'interessante scoprire che già negli anni 60 alla Bialetti qualcuno cercò di ovviare a questo problema.
Come?

Contattando il sig.Pietro Papetti suppongo.

Questo fu il risultato:
Di fatto con l'aggiunta di un bicchiere forato si separava l'acqua destinata a produrre vapore da quella che poi avrebbe estratto il caffè.
Idea geniale anche se a mio avviso (parlo con cognizione di causa avendo lavorato 20 anni con caldaie industrali) la soluzione presenta alcune lacune tecniche.
Comunque funziona.
La temperatura si abbassa di circa 8 - 9 gradi centigradi (verificato personalmente).

Il brevetto Papetti è del 15 ottobre 1964: nei successivi due anni la Bialetti si impegnò nella vendita di questa nuova soluzione.
L'aspetto commerciale più rilevante fu il fatto che la caldaia rimaneva invariata come forma e dimensioni, creando una "nuova moka" solo modificando il filtro e aggiungendo il bicchiere forato.

Il nome scelto fu "TERMOCREM", e fu depositato in data 13/02/1965

 La prima pubblicità è del 1965
L'idea era ottima.

Il caffè migliorava, e di molto: finalmente con una moka si poteva assaporare un caffè qualitativamente eccellente..

Il marchio era leader italiano nella produzione di caffettiere.

Tutto lasciava presagire un successo enorme.
Eppure..
Dopo qualche mese l'ufficio pubblicitario Bialetti si trovò costretto a rivelare e "spiegare inequivocabilmente cosa fosse questo oggetto misterioso".
Notate come fu posto l'accento sul "gusto che non conoscevi ancora". 
Le vendite non decollarono. Anzi.
Immagino lo sconcerto alla Bialetti: era come se la FIAT avesse deciso di dotare le sue 500 di un motore turbo quasi allo stesso prezzo.
Perchè l'italiano medio non capiva?
Perchè i magazzini rimanevano tristemente pieni di Termocrem? 
 L'anno successivo arrivò un ulteriore pubblicità che giustamente invitava a comparare il caffè tra quello preparato con la Moka express "standard" e con quello ottenuto con la Termocrem.
Eppure.. pochissime ne furono vendute.

Che strano.
Sarebbe bastato il passaparola.
In pochi mesi tutti avrebbero apprezzato il caffè più "aromatico e fragrante".
E invece non successe nulla.
La produzione fu interrotta dopo soli due anni.

Immagino che migliaia di Termocrem furono riconvertite fresando il nome inciso e grattato con paglietta la la scritta  dipinta sotto l'omino con i baffi.

Perchè questo insuccesso?
Chissà se fu capito all'epoca.

La spiegazione è purtoppo molto semplice e l'ho descritta
 ampiamente in questo post di due anni fa (click sul link).

L'italiano non era pronto. 
Il palato degli italiani era purtroppo "maleducato", incapace di discernere tra caffè buono e caffè cattivo.

E quindi il caffè fatto con la Termocrem sicuramente
 "sapeva di poco".
Mancava quel "buon" retrogusto amarissimo e bruciato al quale ci si era fatta l'abitudine per oltre 60 anni.

(continua) 

Post popolari in questo blog

Sostituire la guarnizione di una caffettiera: il piccolo tutorial

Monitorando le chiavi di ricerca ho notato 2 cose:
tante persone non sono in grado di sostituire una guarnizione (mica siamo tutti esperti manutentori...)tante persone, anzi tantissime, vorrebbero sostituire la guarnizione della MokonaBialetti; il motivo non lo capisco visto che la mia Elektra spara da 4 a 6 caffè giornalieri da più di tre anni, e non l'ho mai sostituita. Possibile che si sia risparmiato anche sulla GOMMA durante la progettazione di quella incredibile macchina ??
Cambiare una guarnizione è molto semplice quando la macchina non è rimasta ferma per tanti anni: si fa leva con un coltellino (attenzione!) , la si toglie tutta intera, e si rimette la guarnizione nuova.
Poi vanno fatti un paio di caffè a vuoto, prima solo con acqua e poi con il caffè, per dare modo alla gomma di modellarsi e fare una buona tenuta.

L'amico Darril mi ha chiesto ieri lumi sulla sostituzione per una Ballarini, e viste le condizioni "granitiche" della mia guarnizione, ho colto la pa…

Come pulire e lucidare una caffettiera : il tutorial

Dopo aver ricevuto l'ennesima richiesta di documentare il mio personale metodo di pulizia delle caffettiere, ecco finalmente un piccolo tutorial.

Attrezzature occorrenti:
Ovatta lucidante Duraglit per metalli e per argentoPaglietta in ferro
Carta assorbente tipo ScottexGuanti in gomma (nitrile)Sapone liquido per piattiAlcool denaturatoStracci puliti
Una dose massiccia di pazienzaQualche litro di olio di gomito
La cavia in questo caso era una Stella anni '50 in discrete condizioni.

Il primo passo consiste nel valutare il grado di ossidazione del metallo e la quantità di grasso che normalmente ricopre le macchine tenute su qualche mensola in cucina.
Nel caso ci fosse uno strato di grasso eccessivo, suggerisco di effettuare più passate di carta assorbente ben intrisa di alcool.
Nei casi più disperati si può ricorrere a diluenti nitro o acquaragia.

Una volta sgrassato le parti si può procedere con la prima passata di ovatta.
Per certi tipi di alluminio preferisco l'ovatta specifica per …

Caffè: analisi della mancata evoluzione gustativa italiana (1884-1984)

Voglio sollevare un velo.
Voglio raccontare in breve una storia triste, sotto gli occhi di tutti da fin troppi anni.
E lo farò partendo da una domanda:
perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo?

Facilità d’uso. Costo dei materiali. Resa gustativa in tazza.

Perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo.. tranne che in Italia?

Partiamo con un po’ di storia…
Nel 1884 Angelo Moriondo (link)
presenta all’esposizione di Torino (link)
la sua invenzione : una grande  macchina da caffè a pressione di vapore capace di produrre centinaia di caffè all’ora.

Già Loysel nel 1861 aveva tentato la strada della produzione di caffè di massa con il suo enorme e certamente meno pratico percolatore idrostatico.

La differenza nella macchina di Moriondo stava tutta nella spinta del vapore in pressione (circa 1,5 bar) che conferiva al caffè un gusto decisamente nuovo: il sapore amaro e bruciato
Era nato il caffè Espresso.
Questa invenzione rivoluzi…