Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2010

Crema...e bilancio.

L'altr'anno mi chiesero di rilasciare un'intervista. Cosa mai avrei potuto rispondere? Fu un'esperienza veramente divertente, e lo fu anche per il simpatico giornalista italo-tedesco: 4 ore volate in un soffio.
Quando poi mi arrivarono le copie della rivista a casa... Sorpresina!  ero in copertina!
Il 2010 sta terminando, ed è tempo di bilanci. Sembra passato un secolo da questa foto, ho fatto delle esperienze inimmaginabili e conosciuto delle persone fantastiche che mi hanno spronato a continuare e migliorarmi. La collezione è aumentata a dismisura, e non so più dove mettere i nuovi arrivi.. Ho collaborato a vari progetti e ne sto sviluppando altri che vedranno la luce tra un'anno o più.
La vita è bella! Basta sorridere più spesso e credere nei propri sogni.
Buon 2011 a tutti!

Chiavi di ricerca (14)

Prendo spunto da un blog che non posso citare, (ma che rimane per me un punto di riferimento) per allietare i miei lettori con le frasi-parole chiave che le persone hanno utilizzato nei vari motori di ricerca per arrivare qui.
Alle migliori domande (o frasi sconfusionate) cercherò di dare le mie migliori (!) risposte.
Tanti mi hanno chiesto cosa fossero queste chiavi: questo è un esempio (cliccate qui sopra)
Il giorno 19 gennaio tutti quelli che sono approdati a questo blog, avevano digitato le parole elencate.
Se vi piacciono queste chiavi pubblicate oggi, vi consiglio di cercare le altre nel mio archivio, oppure cliccate qui.

D:macchina da caffè low costR: le moke cinesi. poco paghi poco godi.
D: caffepornoR: non male come ricerca; immagino siano dei locali dove servono i caffè in modi a dir poco "fantasiosi".
D: caffettiera mucaR: La moglie del muco?
D: trieste la citta del caffeR: Yeah! Ed anche la città natale del collezionista di caffettiere …

Per gli appassionati delle Atomic: il libro di Mik !

Internet: luogo dei miracoli!
Ciò che pochi anni fa poteva sembrare fantascienza oggi è realtà: il mondo intero è alla nostra portata!
Ho conosciuto Mik in un forum australiano circa un'anno e mezzo fa, quando ancora si faceva chiamare Stellabanana, ed ufficialmente era una "lei".
Fino al momento del suo dirompente arrivo, si discuteva serenamente di Atomic, di Giordano Robbiati, di Desider Stern, e di quello che viene definito spesso "il sesso degli angeli"... amenità e supposizioni.
Gli interventi di Mik erano devastanti, destabilizzanti, ironici e spesso offensivi. Qual'era il motivo? Tante affermazioni nel forum, ed in Internet in generale, erano suffragate dalla più classica delle affermazioni: "IPSE DIXIT"! , usata qualche migliaio di anni fa dai pitagorici (riferendosi al sommo Pitagora). "Lui l'ha detto" e quindi è la VERITA'.
Questo per Mik non era accettabile:  come un novello Diogene di Sinope, il suo stile è stato quello del p…

Officine S.I.M.E.R.A.C. Ferrara , modello Ideal Express

S.I.M.E.R.A.C.

Società Industriale Materiale Elettrico Ragionier Antonio Cotechini


Certe macchine del caffè lasciano il segno.
Nell'immaginario collettivo, nella Storia, o nel Cuore del piccolo collezionista.
Il "padellone" Simerac è sicuramente una di queste.
Colpa anche della copertina dell'edizione italiana del raro libro di Ambrogio Fumagalli, mi sà.
Non mi è mai piaciuta, anzi, quando mi è stata segnalata, il mio primo pensiero è stato quello di proporla a chi la cercava da sempre: il celeberrimo "principe del foro felsineo" G. G.
Poi come spesso accade, la macchina ha preso una deviazione verso la Venezia Giulia per una piccola restauratina.
Una volta arrivata... amore a prima vista!  E mentre la smontavo, la rimontavo e la coccolavo in ogni sua più piccola parte, l'amore aumentava. Che gioiello! Che meraviglia!
Manici, pomellini e manopole sembrano di avorio, o di osso, ma in realtà sono in celluloide; probabilmente in origine erano più chiari.
I classici p…

Faemina : piccolo restauro

Alla fine anche la Faemina, delizioso capitello cromato degli anni '50, è entrata a far parte del mio piccolo museo.
Più avanti ne parlerò in maniera dettagliata, ma oggi vi voglio illustrare un semplice ma significativo restauro.
Le Faemine hanno uno scudetto di ottone che in origine era verniciato di un'opinabile color marrone. Le parti in rilievo, come il bordo esterno e le lettere, potevano così risaltare al meglio. Dopo qualche migliaio di caffè e continui sbalzi termici la vernice inevitabilmente si secca, si crepa e si stacca.
Questo può essere sicuramente un buon sistema per valutarne il chilometraggio... meno caffè fatti... più vernice.
Questa macchina è stata usata tanto, quindi... pochissima vernice!
Dipingere la base di un bassorilievo in realtà non è così difficile. Bastano un pò di stuzzicadenti (alcuni di essi sapientemente sagomati) e qualche straccio. Si intinge lo stuzzicadenti nella vernice (Humbrol per modellismo), e si accompagna una piccola goccia negli spazi libe…

"Mr. Bacchi, I presume."

Come un novello Stanley alla ricerca di Livingstone, ho voluto documentare lo storico incontro con il "mitico" Andrea Bacchi alla Triestespresso 2010.
Attimi fuggenti, durante i quali ci siamo riconosciuti "karmicamente".
Che onore per me, e che simpatico... genio!
Conserverò gelosamente nel cuore le belle parole di stima reciproca che ci siamo scambiati.
E poi... chissà cosa ci riserverà il futuro!
Non sarebbe male una collaborazione tra un inventore da me definito il Leonardo da Vinci dell'Espresso (Andrea) ed un termotecnico pragmatico, amante del design anni '50 (Lucio).
 Qui sopra il professor Moretto (a destra) mentre approva tecnicamente questa Macchina Espresso così incredibilmente perfetta .
La Bacchi.

TriestEspresso 2010 (2)

Una piccola galleria di foto per documentare quella che nonostante tutto è stata una splendida giornata!
Qui sopra possiamo ammirare il professor Moretto mentre cerca di bere da una tazzina dopo averne lanciate un centinaio in aria!
(vabbè.. erano appese...)
Lupo Nero: provatelo se lo trovate, veramente un'ottimo caffè freddo.
Abbiamo partecipato ad un mini corso sui profumi del caffè, gentilmente offerto dalla Illy.. Interessante anche se per pochi intimi: d'altronde la fiera stava chiudendo i battenti e tutti stavano già sbaraccando ( che tristezza...).
Ed ecco a voi qui sotto.. Il Trio Lescano... da sinistra l'esimio Pistrini, al centro il geniale Moretto, a destra... uno che passava da quelle parti per caso!
Caffè! Caffè! Caffè!

La Milanese (2)

Ed ecco, come promesso, la prova pratica!

Ho lucidato con cura tutte le superfici ed ho rimosso con acqua calda ed uno spazzolino il malefico Sidol... Ho recuperato una catenella abbastanza verosimile da un pendolino lasciatomi in eredità da una mia zia "sensitiva"...
Ho trovato nella "scatola delle meraviglie" un fornello in ottone non coevo ma quantomeno funzionale...
Ho effettuato una pulizia accurata all'interno della caffettiera, con ripetuti lavaggi e successive boliture.
 La macchina funziona a vuoto, quindi il caffè viene messo a cucchiaiate al di sopra del filtro In pochi minuti dall'accensione, il vapore spinge l'acqua dal basso verso l'alto. La tenuta viene garantita dal tappo conico che sigilla ottimamente il becco d'uscita.
Un minutino d'infusione ed il caffè è pronto. Il profumo è ottimo, anche se frammisto all'inconfondibile odore metallico, odore antico, odore dell'800.. Il vuoto creatosi all'interno della caldaia, una volt…