Passa ai contenuti principali

Per gli appassionati delle Atomic: il libro di Mik !

Internet: luogo dei miracoli!

Ciò che pochi anni fa poteva sembrare fantascienza oggi è realtà: il mondo intero è alla nostra portata!

Ho conosciuto Mik in un forum australiano circa un'anno e mezzo fa, quando ancora si faceva chiamare Stellabanana, ed ufficialmente era una "lei".

Fino al momento del suo dirompente arrivo, si discuteva serenamente di Atomic, di Giordano Robbiati, di Desider Stern, e di quello che viene definito spesso "il sesso degli angeli"... amenità e supposizioni.

Gli interventi di Mik erano devastanti, destabilizzanti, ironici e spesso offensivi.
Qual'era il motivo?
Tante affermazioni nel forum, ed in Internet in generale, erano suffragate dalla più classica delle affermazioni: "IPSE DIXIT"! , usata qualche migliaio di anni fa dai pitagorici (riferendosi al sommo Pitagora).
"Lui l'ha detto" e quindi è la VERITA'.

Questo per Mik non era accettabile: 
come un novello Diogene di Sinope, il suo stile è stato quello del perfetto cinico (da kynikos, l'aggettivo derivante da kyon, cane);
"i cani vivono nel presente senza ansietà, e non si occupano di filosofia astratta. Inoltre, sanno istintivamente chi è amico e chi è nemico. Al contrario degli uomini, che o ingannano o sono ingannati, i cani riconoscono la verità."
"I suoi ammiratori lo consideravano un uomo devoto alla ragione e di onestà esemplare. Per i suoi detrattori era un folle fastidioso e maleducato."
(fonte Wikipedia)

E durante le sue ricerche, le controversie con chi affermava le cose senza poterle provare sono aumentate in modo esponenziale, fino a creare una rottura definitiva con un certo ambiente conservatore.
L'esperienza del forum è terminata platealmente con accuse incrociate e tanto rammarico. 
Ma è stata propedeutica per tutti in modo o nell'altro.
 
Questo libro colma in parte una lacuna che per troppi anni ha alimentato leggende e credenze, e conferma il sig. Janvier quale attuale massimo esperto di quest'argomento.

Una raccolta di libretti di istruzioni di varie epoche ed in varie lingue (ma non solo questo!), permettono di ripercorrere la Storia quarantennale delle Atomic con un pizzico di tristezza e malinconia per un mondo che non esiste più.

Libretti recuperati da Mik in tutto il mondo, che permettono di chiarire parecchi dubbi, e di far scoprire nuove ed incredibili "meraviglie atomiche" sconosciute ai più.

 
Per tutti i collezionisti questo è un testo da comperare assolutamente; agli amanti delle Atomic suggerisco di prenderne almeno un paio in più da regalare a Natale.

Da oggi il mondo degli appassionati Atomic non sarà più lo stesso, ed il futuro ci riserverà parecchie sorprese inaspettate.

Mentre pensavo a cosa scrivere per presentare questo libro, mi ronzava nelle orecchie una canzone che non sentivo da anni... 

 Glad that you're bound to return
There's something I could have learned
You're indestructible
Always believe in
You are gold
 
Dimenticavo...
oppure scrivetemi e cercherò di fare da tramite.

Post popolari in questo blog

Caffè: analisi della mancata evoluzione gustativa italiana (1884-1984)

Voglio sollevare un velo.
Voglio raccontare in breve una storia triste, sotto gli occhi di tutti da fin troppi anni.
E lo farò partendo da una domanda:
perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo?

Facilità d’uso. Costo dei materiali. Resa gustativa in tazza.

Perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo.. tranne che in Italia?

Partiamo con un po’ di storia…
Nel 1884 Angelo Moriondo (link)
presenta all’esposizione di Torino (link)
la sua invenzione : una grande  macchina da caffè a pressione di vapore capace di produrre centinaia di caffè all’ora.

Già Loysel nel 1861 aveva tentato la strada della produzione di caffè di massa con il suo enorme e certamente meno pratico percolatore idrostatico.

La differenza nella macchina di Moriondo stava tutta nella spinta del vapore in pressione (circa 1,5 bar) che conferiva al caffè un gusto decisamente nuovo: il sapore amaro e bruciato. 
Era nato il caffè Espresso.
Questa invenzione rivoluzi…

Sostituire la guarnizione di una caffettiera: il piccolo tutorial

Monitorando le chiavi di ricerca ho notato 2 cose:
tante persone non sono in grado di sostituire una guarnizione (mica siamo tutti esperti manutentori...)tante persone, anzi tantissime, vorrebbero sostituire la guarnizione della MokonaBialetti; il motivo non lo capisco visto che la mia Elektra spara da 4 a 6 caffè giornalieri da più di tre anni, e non l'ho mai sostituita. Possibile che si sia risparmiato anche sulla GOMMA durante la progettazione di quella incredibile macchina ??
Cambiare una guarnizione è molto semplice quando la macchina non è rimasta ferma per tanti anni: si fa leva con un coltellino (attenzione!) , la si toglie tutta intera, e si rimette la guarnizione nuova.
Poi vanno fatti un paio di caffè a vuoto, prima solo con acqua e poi con il caffè, per dare modo alla gomma di modellarsi e fare una buona tenuta.

L'amico Darril mi ha chiesto ieri lumi sulla sostituzione per una Ballarini, e viste le condizioni "granitiche" della mia guarnizione, ho colto la pa…

Come pulire e lucidare una caffettiera : il tutorial

Dopo aver ricevuto l'ennesima richiesta di documentare il mio personale metodo di pulizia delle caffettiere, ecco finalmente un piccolo tutorial.

Attrezzature occorrenti:
Ovatta lucidante Duraglit per metalli e per argentoPaglietta in ferro
Carta assorbente tipo ScottexGuanti in gomma (nitrile)Sapone liquido per piattiAlcool denaturatoStracci puliti
Una dose massiccia di pazienzaQualche litro di olio di gomito
La cavia in questo caso era una Stella anni '50 in discrete condizioni.

Il primo passo consiste nel valutare il grado di ossidazione del metallo e la quantità di grasso che normalmente ricopre le macchine tenute su qualche mensola in cucina.
Nel caso ci fosse uno strato di grasso eccessivo, suggerisco di effettuare più passate di carta assorbente ben intrisa di alcool.
Nei casi più disperati si può ricorrere a diluenti nitro o acquaragia.

Una volta sgrassato le parti si può procedere con la prima passata di ovatta.
Per certi tipi di alluminio preferisco l'ovatta specifica per …