Passa ai contenuti principali

Officine S.I.M.E.R.A.C. Ferrara , modello Ideal Express

 S.I.M.E.R.A.C.

Società Industriale Materiale Elettrico Ragionier Antonio Cotechini


Certe macchine del caffè lasciano il segno.
Nell'immaginario collettivo, nella Storia, o nel Cuore del piccolo collezionista.
Il "padellone" Simerac è sicuramente una di queste.
Colpa anche della copertina dell'edizione italiana del raro libro di Ambrogio Fumagalli, mi sà.

Non mi è mai piaciuta, anzi, quando mi è stata segnalata, il mio primo pensiero è stato quello di proporla a chi la cercava da sempre: il celeberrimo "principe del foro felsineo" G. G.

Poi come spesso accade, la macchina ha preso una deviazione verso la Venezia Giulia per una piccola restauratina.

Una volta arrivata... amore a prima vista! 
E mentre la smontavo, la rimontavo e la coccolavo in ogni sua più piccola parte, l'amore aumentava.
Che gioiello!
Che meraviglia!

Manici, pomellini e manopole sembrano di avorio, o di osso, ma in realtà sono in celluloide; probabilmente in origine erano più chiari.

I classici piedini Simerac a forma di zoccolo mantengono in perfetto equilibrio la macchina, e garantiscono la corretta areazione del sotto base.

Tutte le manopole sono terribilmente irregolari, come se non fossero state tornite ma modellate a mano.
Un tocco in più di "vintage" che aiuta a spezzare la perfetta armonia del metallo cromato.

Il tappo del caricamento acqua è pesantissimo e... bellissimo!

I manici laterali della "padella" sono in legno verniciato: le tre sottili incisioni sulla forma a botte allungata ben si armonizzano con il corpo macchina.
Le scanalature concentriche della padella servivano da raccogli goccia, per evitare di macchiare la tovaglia "buona" quando  l'apparecchiatura veniva portata trionfalmente a tavola per stupire gli ospiti.

La valvola di sicurezza posta sul cappello avvisava che la pressione all'interno della caldaia era ottimale, quindi agendo rispettivamente sulle valvole di ammissione, si poteva decidere se erogare 2 o 4 caffè.

Termino questa mia presentazione con 2 immagini rarissime: una cartolina pubblicitaria ed un estratto da un catalogo anni '30, quando la produzione si era già trasferita da Ferrara a Milano, ed iniziò la collaborazione con la Zerowatt.... ma questa è un'altra storia...
Immagini gentilmente concesse da Alberto Cavallaroni.

Post popolari in questo blog

Sostituire la guarnizione di una caffettiera: il piccolo tutorial

Monitorando le chiavi di ricerca ho notato 2 cose:
tante persone non sono in grado di sostituire una guarnizione (mica siamo tutti esperti manutentori...)tante persone, anzi tantissime, vorrebbero sostituire la guarnizione della MokonaBialetti; il motivo non lo capisco visto che la mia Elektra spara da 4 a 6 caffè giornalieri da più di tre anni, e non l'ho mai sostituita. Possibile che si sia risparmiato anche sulla GOMMA durante la progettazione di quella incredibile macchina ??
Cambiare una guarnizione è molto semplice quando la macchina non è rimasta ferma per tanti anni: si fa leva con un coltellino (attenzione!) , la si toglie tutta intera, e si rimette la guarnizione nuova.
Poi vanno fatti un paio di caffè a vuoto, prima solo con acqua e poi con il caffè, per dare modo alla gomma di modellarsi e fare una buona tenuta.

L'amico Darril mi ha chiesto ieri lumi sulla sostituzione per una Ballarini, e viste le condizioni "granitiche" della mia guarnizione, ho colto la pa…

Caffè: analisi della mancata evoluzione gustativa italiana (1884-1984)

Voglio sollevare un velo.
Voglio raccontare in breve una storia triste, sotto gli occhi di tutti da fin troppi anni.
E lo farò partendo da una domanda:
perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo?

Facilità d’uso. Costo dei materiali. Resa gustativa in tazza.

Perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo.. tranne che in Italia?

Partiamo con un po’ di storia…
Nel 1884 Angelo Moriondo (link)
presenta all’esposizione di Torino (link)
la sua invenzione : una grande  macchina da caffè a pressione di vapore capace di produrre centinaia di caffè all’ora.

Già Loysel nel 1861 aveva tentato la strada della produzione di caffè di massa con il suo enorme e certamente meno pratico percolatore idrostatico.

La differenza nella macchina di Moriondo stava tutta nella spinta del vapore in pressione (circa 1,5 bar) che conferiva al caffè un gusto decisamente nuovo: il sapore amaro e bruciato
Era nato il caffè Espresso.
Questa invenzione rivoluzi…

Come pulire e lucidare una caffettiera : il tutorial

Dopo aver ricevuto l'ennesima richiesta di documentare il mio personale metodo di pulizia delle caffettiere, ecco finalmente un piccolo tutorial.

Attrezzature occorrenti:
Ovatta lucidante Duraglit per metalli e per argentoPaglietta in ferro
Carta assorbente tipo ScottexGuanti in gomma (nitrile)Sapone liquido per piattiAlcool denaturatoStracci puliti
Una dose massiccia di pazienzaQualche litro di olio di gomito
La cavia in questo caso era una Stella anni '50 in discrete condizioni.

Il primo passo consiste nel valutare il grado di ossidazione del metallo e la quantità di grasso che normalmente ricopre le macchine tenute su qualche mensola in cucina.
Nel caso ci fosse uno strato di grasso eccessivo, suggerisco di effettuare più passate di carta assorbente ben intrisa di alcool.
Nei casi più disperati si può ricorrere a diluenti nitro o acquaragia.

Una volta sgrassato le parti si può procedere con la prima passata di ovatta.
Per certi tipi di alluminio preferisco l'ovatta specifica per …