Passa ai contenuti principali

Analisi sociologica del collezionista di caffettiere


In questi ultimi anni ho conosciuto tantissimi collezionisti e (purtroppo) poche collezioniste di caffettiere; ognuno vive ed affronta questa passione nel proprio modo, quello "giusto".
Il confronto con gli altri in questi casi aiuta a crescere e ringrazio pubblicamente tutti, ma proprio tutti, per avermi fatto capire chiaramente in quale direzione muovere i miei sforzi.
Ma.. anche a capire cosa non fare.

Vorrei raggruppare in categorie certi comportamenti (in alcuni dei quali haimè mi ci posiziono anch'io) che spero faranno sorridere qualcuno e faranno riflettere qualcun altro.

  • Quello che...  per questo mese basta, ho speso troppo, anzi .. aspetta che controllo ebay!
  • Quelli che...   pensano di sapere TUTTO.  (ndr : a Trieste si usa dire "el MONA sà tutto")
  • Quelli che...   vogliono scambiare la tua Aquilas a spirito con una bialetti anni '70 e si offendono pure se non accetti
  • Quello che...  compra di tutto in maniera compulsiva per poi chiedersi dopo qualche mese " ma cosa ho preso e perchè?"
  • Quello che...  ha tantissime informazioni e non le condivide con nessuno
  • Quello che...  ti imbroglia con il sorriso sulle labbra
  • Quello che...  si fida di tutti
  • Quello che...  si atteggia da collezionista e poi in realtà è un mercante ( noo, questa è il pezzo forte della mia raccolta... quanto hai detto che me la paghi? )
  • Quello che...  colleziona solo macchine della sua città
  • Quello che...  colleziona solo macchine italiane
  • Quello che...  crede di essere furbissimo e non si fida di nessuno ( è sempre colpa degli altri sai.. ho avuto da ridire con tutti però.. ma perchè nessuno mi vuole bene..? )
  • Quello che...  prende solo macchine rarissime e molto costose e pensa che tutto il resto è ciarpame
  • Quello che...  non ha gusto estetico e crea accostamenti "particolari"
  • Quello che...  fa l'orso ma sotto sotto è un mattachione 
  • Quello che... colleziona solo macchine a leva per uso domestico e snobba le caffettiere ... 
  • Quello che...  non accetta nessuna critica
  • Quello che...  contratta per ore una macchina perfetta per ottenere 5 euro di sconto e poi compra un catorcio su Subito.it ("la foto era un pò sfocata.. non so come mi son fatto fregare...")
  • Quello che...  invidia sfacciatamente le altre collezioni e non presta attenzione al tesoro che ha in casa
  • Quello che...  adora la "patina" delle sue macchine per poi scoprire che è grasso e sporco vario (ndr: i metalli, al contrario dei legni, non hanno alcuna patina ma solamente un'ossidazione  superficiale.  Infatti, rimossa l'ossidazione, il metallo entro pochi mesi si ossida nuovamente, ma se togliete la patina "vera" ad un mobile di noce dell'800... dovrete attendere altri 100 anni.)
  • Quello che...  "non ho una buona caffettiera per farti un buon caffè... spero non ti offenderai" , ed ha la casa disseminata di macchine eccezzionali.
  • Quello che...   compra a 10 e vende a 100... o più...
  • Quello che...   compra tutto ma proprio TUTTO e non sa più dove tenere la roba
  • Quello che...   compra una splendida macchina per poi scoprire che ce l'aveva già
  • Quello che...   si diverte come un pazzo nel rintracciare le offerte più strampalate di Ebay, sia come prezzi al limite del delirio che come descrizioni "fantasiose" (vendo macchina a leva cromata Pavoni anni '30 a soli 800 euro, pezzo museale!!!!)
  • Quello che...  è gentile con i gentili, ma bastardo con i "furbetti del mercatino" 
  • Quello che...  scrive un blog un pò per caso e scopre un mondo inimmaginabile

Post popolari in questo blog

Caffè: analisi della mancata evoluzione gustativa italiana (1884-1984)

Voglio sollevare un velo.
Voglio raccontare in breve una storia triste, sotto gli occhi di tutti da fin troppi anni.
E lo farò partendo da una domanda:
perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo?

Facilità d’uso. Costo dei materiali. Resa gustativa in tazza.

Perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo.. tranne che in Italia?

Partiamo con un po’ di storia…
Nel 1884 Angelo Moriondo (link)
presenta all’esposizione di Torino (link)
la sua invenzione : una grande  macchina da caffè a pressione di vapore capace di produrre centinaia di caffè all’ora.

Già Loysel nel 1861 aveva tentato la strada della produzione di caffè di massa con il suo enorme e certamente meno pratico percolatore idrostatico.

La differenza nella macchina di Moriondo stava tutta nella spinta del vapore in pressione (circa 1,5 bar) che conferiva al caffè un gusto decisamente nuovo: il sapore amaro e bruciato. 
Era nato il caffè Espresso.
Questa invenzione rivoluzi…

Sostituire la guarnizione di una caffettiera: il piccolo tutorial

Monitorando le chiavi di ricerca ho notato 2 cose:
tante persone non sono in grado di sostituire una guarnizione (mica siamo tutti esperti manutentori...)tante persone, anzi tantissime, vorrebbero sostituire la guarnizione della MokonaBialetti; il motivo non lo capisco visto che la mia Elektra spara da 4 a 6 caffè giornalieri da più di tre anni, e non l'ho mai sostituita. Possibile che si sia risparmiato anche sulla GOMMA durante la progettazione di quella incredibile macchina ??
Cambiare una guarnizione è molto semplice quando la macchina non è rimasta ferma per tanti anni: si fa leva con un coltellino (attenzione!) , la si toglie tutta intera, e si rimette la guarnizione nuova.
Poi vanno fatti un paio di caffè a vuoto, prima solo con acqua e poi con il caffè, per dare modo alla gomma di modellarsi e fare una buona tenuta.

L'amico Darril mi ha chiesto ieri lumi sulla sostituzione per una Ballarini, e viste le condizioni "granitiche" della mia guarnizione, ho colto la pa…

Come pulire e lucidare una caffettiera : il tutorial

Dopo aver ricevuto l'ennesima richiesta di documentare il mio personale metodo di pulizia delle caffettiere, ecco finalmente un piccolo tutorial.

Attrezzature occorrenti:
Ovatta lucidante Duraglit per metalli e per argentoPaglietta in ferro
Carta assorbente tipo ScottexGuanti in gomma (nitrile)Sapone liquido per piattiAlcool denaturatoStracci puliti
Una dose massiccia di pazienzaQualche litro di olio di gomito
La cavia in questo caso era una Stella anni '50 in discrete condizioni.

Il primo passo consiste nel valutare il grado di ossidazione del metallo e la quantità di grasso che normalmente ricopre le macchine tenute su qualche mensola in cucina.
Nel caso ci fosse uno strato di grasso eccessivo, suggerisco di effettuare più passate di carta assorbente ben intrisa di alcool.
Nei casi più disperati si può ricorrere a diluenti nitro o acquaragia.

Una volta sgrassato le parti si può procedere con la prima passata di ovatta.
Per certi tipi di alluminio preferisco l'ovatta specifica per …