Passa ai contenuti principali

Sostituire le guarnizioni del pistone dell'Elektra Microcasa a leva: il tutorial


Pronti?
Via!
In tanti mi hanno chiesto di descrivere la sostituzione delle guarnizioni del pistone, e memore di un approccio "fantozziano" di qualche anno fa, e contrariamente a quanto scrivono i colleghi americani, ho voluto disassemblare completamente il pistone.
La risposta alla vostra domanda, se ve la siete posta, è si: si possono sostituire lo stesso le guarnizioni, senza rimuovere la molla, ma preparatevi a vivere un'esperienza "mistica".

Quindi ecco qui quello che vi serve:
  • Pinza per rimuovere gli anelli seeger
  • Grasso "55" Rhodorsil
  • Morsetto di buona qualità
  • Cacciaspine (anche un chiodo senza punta va bene...)
  • Martello di gomma
  • Cacciavite
  • Spessimetri o lame similari
  • Un paio di spessori in legno
Per prima cosa togliete gli anelli seeger dai perni e comprimete la molla.
Il punto di appoggio superiore non dovrà essere quello di questa foto, ma l'altro indicato più avanti; avrete un migliore allineamento. Basta comprimerla poco, per liberare il perno più sottile che verrà via con un paio di martellate.

Ripulite tutti i residui di grasso, sfilate la molla e con un cacciavite togliete la guarnizione a "V" superiore.
Attenzione al labbro che dovrà essere rimontato verso il pistone, non verso la molla.
Potrà essere utile l'utilizzo di un paio di lame di un spessimetro per mantenere sollevata la guarnizione su più punti. La bollitura delle guarnizioni aiuta sicuramente, le rende più morbide e malleabili, ma sono riuscito comunque a montarle "a freddo".

Prima dell'inserimento ingrassate con cura tutta la guarnizione, e non preoccupatevi se non entra: è normale così. Inserite prima solo una parte nella gola del pistone e poi fate forza sul bordo della gomma un pò per volta: tempo un paio di minuti e ce l'avrete fatta.

La guarnizione inferiore a "W" è più semplice da inserire: ripetete quanto sopra.

Ecco terminato il montaggio: tempo stimato senza aver troppa fretta circa 25 minuti.
Qui sotto ho evidenziato il punto di appoggio corretto del morsetto (frecce rosse).
Durante la compressione è indispensabile riallineare il foro indicato dalla freccia verde con l'intaglio superiore, per riuscire a re-infilare il perno (e ricordatevi della leva! ho dovuto fare l'operazione 2 volte...).

Quando avrete riassemblato il tutto ed ingrassato in abbondanza dovrete infilare  il pistone nel cilindro della macchina: non entrerà.
Fate qualche tentativo, ma sembrerà impossibile l'accoppiamento..
Inclinate su un lato il pistone e con l'unghia infilate circa un centimetro del bordino della guarnizione dentro il cilindro; poi iniziate a ruotare il gruppo pistone tenendo l'unghia (o una lama non tagliente sottilissima) premuta sul bordo: entro un paio di minuti la prima guarnizione a "W" sarà entrata. Quella a "V" è addirittura più difficoltosa, ma visto che siete in ballo... Calma , sangue freddo ... ce la farete!
Raccomando 2 risciacqui  abbondanti con macchina ben calda; l'eccesso di grasso verrà lavato via e sarete pronti per i primi caffè.
Ce ne vorranno almeno una decina per raggiungere il top.
E come sempre... buon caffè!

Post popolari in questo blog

Caffè: analisi della mancata evoluzione gustativa italiana (1884-1984)

Voglio sollevare un velo.
Voglio raccontare in breve una storia triste, sotto gli occhi di tutti da fin troppi anni.
E lo farò partendo da una domanda:
perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo?

Facilità d’uso. Costo dei materiali. Resa gustativa in tazza.

Perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo.. tranne che in Italia?

Partiamo con un po’ di storia…
Nel 1884 Angelo Moriondo (link)
presenta all’esposizione di Torino (link)
la sua invenzione : una grande  macchina da caffè a pressione di vapore capace di produrre centinaia di caffè all’ora.

Già Loysel nel 1861 aveva tentato la strada della produzione di caffè di massa con il suo enorme e certamente meno pratico percolatore idrostatico.

La differenza nella macchina di Moriondo stava tutta nella spinta del vapore in pressione (circa 1,5 bar) che conferiva al caffè un gusto decisamente nuovo: il sapore amaro e bruciato. 
Era nato il caffè Espresso.
Questa invenzione rivoluzi…

Sostituire la guarnizione di una caffettiera: il piccolo tutorial

Monitorando le chiavi di ricerca ho notato 2 cose:
tante persone non sono in grado di sostituire una guarnizione (mica siamo tutti esperti manutentori...)tante persone, anzi tantissime, vorrebbero sostituire la guarnizione della MokonaBialetti; il motivo non lo capisco visto che la mia Elektra spara da 4 a 6 caffè giornalieri da più di tre anni, e non l'ho mai sostituita. Possibile che si sia risparmiato anche sulla GOMMA durante la progettazione di quella incredibile macchina ??
Cambiare una guarnizione è molto semplice quando la macchina non è rimasta ferma per tanti anni: si fa leva con un coltellino (attenzione!) , la si toglie tutta intera, e si rimette la guarnizione nuova.
Poi vanno fatti un paio di caffè a vuoto, prima solo con acqua e poi con il caffè, per dare modo alla gomma di modellarsi e fare una buona tenuta.

L'amico Darril mi ha chiesto ieri lumi sulla sostituzione per una Ballarini, e viste le condizioni "granitiche" della mia guarnizione, ho colto la pa…

Come pulire e lucidare una caffettiera : il tutorial

Dopo aver ricevuto l'ennesima richiesta di documentare il mio personale metodo di pulizia delle caffettiere, ecco finalmente un piccolo tutorial.

Attrezzature occorrenti:
Ovatta lucidante Duraglit per metalli e per argentoPaglietta in ferro
Carta assorbente tipo ScottexGuanti in gomma (nitrile)Sapone liquido per piattiAlcool denaturatoStracci puliti
Una dose massiccia di pazienzaQualche litro di olio di gomito
La cavia in questo caso era una Stella anni '50 in discrete condizioni.

Il primo passo consiste nel valutare il grado di ossidazione del metallo e la quantità di grasso che normalmente ricopre le macchine tenute su qualche mensola in cucina.
Nel caso ci fosse uno strato di grasso eccessivo, suggerisco di effettuare più passate di carta assorbente ben intrisa di alcool.
Nei casi più disperati si può ricorrere a diluenti nitro o acquaragia.

Una volta sgrassato le parti si può procedere con la prima passata di ovatta.
Per certi tipi di alluminio preferisco l'ovatta specifica per …