venerdì 18 marzo 2011

Gita a Dosson di Casier... come sognare ad occhi aperti! (parte 1)

Alzi la mano chi conosce bene la storia dell'Elektra!
Nessuno?
Non mi sembra strano.


La Elektra, in origine conosciuta come La Tarvisium, è uno dei vanti italiani nel settore delle macchine da bar.
All'estero è famosissima.
Un mito direi.
Macchine di altissima qualità per bar di classe.


Ma nel "bel paese" le cose cambiano: poche macchine fanno bella mostra di sè (ne conosco non più di 3 qui in zona), poca pubblicità, una presenza alla Triestespresso 2010 "quasi d'obbligo". (noblesse oblige...)

Provate a cercarne il sito in Internet... c'è, ma nascosto.  
Se digitate solamente Elektra vi verrà fuori un pò di tutto.


Scelte commerciali indiscutibili, ma è un peccato, perchè le Elektra sono in grado di  
"far rallentare il battito cardiaco dell'appassionato".

L'altr'anno il sig.Mario è stato così gentile da ricevere  me e la mia consorte per scambiare quattro chiacchiere, in generale.

Pensavo di essere pronto.
Pensavo di non riuscire ad emozionarmi così tanto.


Sbagliavo.

Chi non vorrebbe una "Belle Epoque" in cucina?
Immaginate di prepararvi un'espresso ascoltando Tino Rossi.


Oppure una "Classic" in una stanza arredata anni '60?
Con Jerry Lee Lewis in sottofondo... suonato da un Wurlitzer d'epoca...





Carina l'idea di raccogliere in una stanza "materiale della concorrenza", una sorta di piccolo museo.
La Peppina in ottone meritava da sola il viaggio!
Una delle ultime prodotte poi... Introvabile!

Uno stuolo di Caravel... ma lo avevate mai notato che la griglia riporta 2 volte la scritta VAM (Vetraria Ambrosiana Milano) contrapposta?

Un particolare della Nivola... da brividi.
Sembra il musetto di un bolide da corsa anni '50.

La Aletta, vero trionfo dell'inox, abbinata ad un corpo traslucido che permette di intravederne le "parti intime".

Due modelli ultra-rari degli anni '80 che farebbero la gioia di ogni collezionista.
Quella di sinistra non sono riuscito a comprarla ad Aosta per un soffio .. mannaggia!

I più smaliziati si accorgeranno subito di quanto sia particolare il gruppo pistone nella Microcasa a Leva di destra; meno elegante ma più efficace?

Qui potete ammirare un modello "space age" da bar in ottime condizioni, con base in marmo.



(Segue...)

2 commenti:

  1. Quando andavo a fargli visita mi pare di ricordarmi che avevano un maccina caffè ad atmosfera controllata (prototipo)o qualcosa di simile per mantenere inalterate le caratteristiche del caffè.
    La prossima volta salutami i fratelli Andrea e Federico proprietari anche delle mitiche moto Fantic.

    Fabio

    RispondiElimina
  2. Già... le Fantic! che meraviglia!!
    Potrebbero creare un mix di macchine.
    Una Fantic in ottone con aquila, magari!

    RispondiElimina

Simpatica intervista alternativa

 Buona lettura! 😁 https://mag.sensaterra.com/it/2021/01/14/il-collezionismo-piu-di-700-caffettiere-antiche/