venerdì 18 marzo 2011

Mario Egi ed Andrea Ivo Novi: Multiexpres Egi Crema Caffè (2)

Ed eccoci ad affrontare in dettaglio il secondo sistema "geniale": quello di aumento della pressione di estrazione.
Una volta raggiunta la pressione desiderata (che io stimo in circa 2,5 - 3 bar), la valvola di sicurezza iniziava a fischiare: era giunto il momento di intervenire e spingere verso il basso il pomello nero, il quale permetteva all'acqua di attraversare il macinato e risalire lungo il camino.

Tutta la macchina risulta sovradimensionata per resistere alle maggiori pressioni in gioco.

La parte superiore trasparente è costruita in policarbonato, e non in vetro come potrebbe sembrare in un primo momento.

Il cucchiaino dosatore è marchiato Egi.
Qui sotto potrete mettere in pratica le lezioni di Tedesco apprese tanti anni fa... e leggervi le istruzioni.
Notate la grafica anni '60, curatissima in ogni dettaglio.



Concludo con un'immagine della mia macchina, color crema, meno "nuova" di quella del Prof. o di quella dell'Avv. (ebbene si, abbiamo fatto una pazzia collettiva).


Se la trovate in qualche soffitta polverosa, mi raccomando: non lasciatevela scappare!

1 commento:

  1. Scusate ma perche'e' stata sudiata cosi? E per raggiungere l'effetto crema? Ma che temperatura raggiunge? Grazie

    RispondiElimina

Simpatica intervista alternativa

 Buona lettura! 😁 https://mag.sensaterra.com/it/2021/01/14/il-collezionismo-piu-di-700-caffettiere-antiche/