giovedì 23 febbraio 2012

La Velox... alle origini.



La storia delle macchine ferraresi è ancora parzialmente coperta da mistero.
E quello che si è scoperto è principalmente frutto dell'entusiasmo e del gran lavoro di Alberto Cavallaroni, uno dei pochi collezionisti italiani di caffettiere (ferraresi) degno di essere definito "esperto".
La Velox che tutti conosciamo nasce a Ferrara attorno agli anni '20
(poi Alberto ci fornirà sicuramente i dettagli...)
Nella mia collezione non ho Velox d'epoca.
Sono brutte.
Non le sopporto!
Le Velox di Ugo Malagò...
Ma questa... questa è un sogno!
Una pre-Simerac?
Prima di Malagò ci fu l'ing. Marchi che nel 1912 (più o meno.. prima o poi ve ne darò conferma) brevettò questa macchina spettacolare (brevetto 2134).
Poi, forse, cedette il marchio a Malagò.
Che piedini! Mi sento un pò feticista...
Toh, la macchina è punzonata 0004... fantastico!
Anche il filtro è semplicemente perfetto
I miracoli accadono.
Quindi perchè non sperare di trovarne una prima o poi?
(no, non è mia, e non vi dico a chi appartiene, certi segreti non si rivelano neanche sotto tortura, ahahah!)

2 commenti:

  1. Ciao Lucio
    ormai oltre alla funzione di approfondimento hai assunto anche quello della scoperta, complimenti. Hai aggiunto una nuova tessera al mosaico infinito della storia delle caffettiere e delle relative industrie produttrici,il tutto con precisione,garbo e ironia.
    Alberto

    RispondiElimina

Simpatica intervista alternativa

 Buona lettura! 😁 https://mag.sensaterra.com/it/2021/01/14/il-collezionismo-piu-di-700-caffettiere-antiche/