domenica 16 maggio 2010

Gaggia Gilda (1956)



Ed ecco a voi la Gilda 2° serie, una splendida macchina da 23.000 lire!
323 euro dei giorni nostri ben spesi, per portarsi a casa la possibilità di  bersi un vero infuso di caffè idrocompresso, quasi come al bar.
La forma della Gilda fu evidentemente influenzata dal periodo nel quale nacque: la "space age" o "atomic era".

Casalinghe, pin up... razzi spaziali ,satelliti...
.... un connubio esplosivo che permise alla Gaggia di vendere un gran bel numero di macchine.
Successivamente la bakelite rossa diventò nera e lo scudetto in metallo fu sostituito da un'applicazione di vernice nera.

La macchina fu ribattezzata "la Gaggia ad orecchie di coniglio" a causa delle caratteristiche leve ripiegabili, fatte in tal guisa per contenere gli ingombri.

Mi ero ripromesso di fare un post degno di una delle più belle macchine a leva mai prodotte, e lo farò.
Ma ho dovuto raccogliere la sfida di un amico: "scommetto che con questa non lo farai il caffè ! "
Perchè no?

La macchina qui fotografata è in buone condizioni, mediamente usata , e già oggetto di manutenzione una trentina di anni fa.
Chi volesse effettuare un rapido restauro potrà rimuovere i 2 perni delle leve e le viti di bloccaggio del gruppo pistone. Nessuna paura, la molla non vi centrerà un occhio con il classico "SBOING" dei fumetti.

La sostituzione dell'unica guarnizione è incredibilmente semplice: vite, rondella, guarnizione.
Nessuno sclero per infilarla nella cava del pistone.
Tempo medio per l'operazione : 2 minuti.

Qui sotto si possono notare gli anelli seeger in luogo di quelli a forchetta dei modelli successivi.
La forza da applicare sulle leve è veramente a livello delle corna del toro del luna park, oggetto cult tra i giovani bulletti degli ultimi 40 anni.
Mia figlia non ce l'ha fatta a smuoverle, mi chiedo se l'elegante miss della foto iniziale ci sarebbe mai riuscita.

E per concludere... 
Ecco la crema di caffè.
Già al secondo tentativo era di gran lunga superiore a quella della Pavoni.
Corposa, profumata, ottima!


Almeno per questa volta,
la gallina vecchia ha fatto un buon brodo (di caffè).

Nessun commento:

Posta un commento

Simpatica intervista alternativa

 Buona lettura! 😁 https://mag.sensaterra.com/it/2021/01/14/il-collezionismo-piu-di-700-caffettiere-antiche/