sabato 21 aprile 2012

Il cammino Zen verso l'espresso perfetto

Ebbene si.
La ricerca dell'espresso perfetto è come lo scoccare della freccia per il maestro Zen.
Decine di variabili concorrono a rendere estremamente difficile questa rara esperienza.

Perchè rara?

Perchè è un qualcosa di assolutamente soggettivo.
Perchè dobbiamo assecondare il nostro gusto di quel preciso istante nel quale sorseggiamo il nero nettare.
Istante effimero.
Irripetibile.

Lo stesso caffè può essere perfetto oggi, ma domani... non si sà.

Può capitare.
E capiterà nuovamente.
E quando vi accadrà... fermate il tempo e guardatevi attorno con occhi nuovi.
Questo non era il mio espresso perfetto.
Ma mi sono avvicinato molto.

E' il bello di una macchina di qualità: mantenere altissimi standard costanti nel tempo.

1 commento:

  1. Bravo Lucio et bienvenue aux machines modernes ;o)
    Ludo

    RispondiElimina

Caffettiera Top Moka - test di estrazione (comparativo)

Giorni fa sono entrato in possesso momentaneo di una bella caffettiera Top Moka. Diciamo che l'ho presa in prestito da mia sorella, ...