venerdì 2 settembre 2011

Gaggia Gilda (2)

Di solito cerco di ripristinare l'operatività delle macchine che restauro.
Per la povera Gilda però gli interventi sono stati esclusivamente conservativi.

...la famosa rimozione del pistone...
Non ho mai incontrato così tante difficoltà.
La guarnizione dello screen era talmente cristallizzata che non sono riuscito a rimuoverla neanche con lo scalpello .
Ho dovuto utilizzare una fresa con la quale lavoro saltuariamente l'acciaio inox, e distruggerla un millimetro alla volta.

L'asta del pistone era così marcia che alla prima martellata si è disintegrata la zona di attacco filettato.
Per rimuovere il pistone ho dovuto scaldare con la fiamma tutta la camicia per almeno 20 minuti; poi con 2 colpetti di martello è finalmente uscito.


Ho quindi scelto di riutilizzare le parti originali, visto che tutta la caldaia era corrosa in maniera irreparabile.
Ho utilizzato la tecnica della saldatura a freddo con la colla epossidica.
Nelle foto potrete apprezzare il risultato.
Non ci farò il caffè, ma quantomeno riesco ad azionare nuovamente la leva.
Lavorare con l'epossidica non è semplice: va miscelata con cura ed applicata a strati in tempi molto ristretti.
Ecco le fasi finali: il vetrino l'ho recuperato da un vecchio manometro, ma l'ho dovuto fresare per ridurne il diametro.
L'interruttore è anch'esso recuperato da una vecchia apparecchiatura anni '50.
Mancano la vaschetta (mancava... ma adesso c'è!)
e soprattutto il portafiltro.
So già come procurarmelo, ma non sarà un'impresa facile!
Chissà se Babbo Natale ascolterà le mie preghierine...


2 commenti:

  1. Traduzione automatica:

    Traduzione automatica:

    Ottimo lavoro, Lucio! Resuscitare i morti!

    E ora lasciatemi fare domande tecniche ai piedi del maestro. Per capire meglio, hai usato la saldatura a freddo di fori patch e punti deboli all'interno della caldaia in modo che possa birra di nuovo? Che freddo epossidica saldare hai usato, ed è sicuro per il consumo alimentare?

    Post originale:

    Great job, Lucio! Resurrecting the dead!

    And now let me ask technical questions at the feet of the master. To understand better, did you use the cold welding to patch holes and weak spots inside the boiler so it can brew again? What cold weld epoxy did you use, and is it safe for food consumption?

    RispondiElimina
  2. I'm not Jesus... better a Frankenstein ...


    http://www.permatex.com/products/Automotive/adhesives_sealants/epoxies/Permatex_Cold_Weld_Bonding_Compound.htm

    yeah, I closed all holes and re-build missing parts.
    Don't know if it fits for alimentar use... why not? ask to Permatex if you need it, it's safer...

    I will not let it work, the resistance is fucked up (crap!).
    It will be a nice dustgather.

    I repeat: it's not easy to use, you need a good practice, clean up parts, and understand the % of mixing and time to use it.
    Try on something broken and let me know.

    RispondiElimina

Simpatica intervista alternativa

 Buona lettura! 😁 https://mag.sensaterra.com/it/2021/01/14/il-collezionismo-piu-di-700-caffettiere-antiche/