Passa ai contenuti principali

Chiavi di ricerca (17)

Prendo spunto da un blog che non posso citare, (ma che rimane per me un punto di riferimento) per allietare i miei lettori con le frasi-parole chiave che le persone hanno utilizzato nei vari motori di ricerca per arrivare qui.
Alle migliori domande (o frasi sconfusionate) cercherò di dare le mie migliori (!) risposte.
Tanti mi hanno chiesto cosa fossero queste chiavi: questo è un esempio (cliccate qui sopra)  :tutti quelli che sono approdati a questo blog, avevano digitato le parole elencate.
Se vi piacciono queste chiavi pubblicate oggi, vi consiglio di cercare le altre nel mio archivio, oppure cliccate qui.

  • D: Prezzo la Bacchi
  • R: 298 eurozzi iva inclusa.
  • D: quale prodotto ha sostituio il duraglit fuorin commercio
  • R: Lo so ma non lo dico. Per gli afecionados lo si trova ancora in Inghilterra e Germania.
  • D: ogni quando sostituire la guarnizione della moka
  • R: Ogni "quando" il caffè stenta a salire.
  • D: le caffettiere di lucio
  • R: le più fighissime in assoluto!
  • D: è buono il caffè fatto con la pavoni
  • R: Caro lettore... non è la macchina, ma ANCHE la macchina. Se usi un caffè da 3 euro al kg... Se non leggi le istruzioni... Se l'acqua della rete idrica è piena di cloro... il tuo caffè sarà una schifezza. Puoi anche spendere 2000 euro, ma non bastano. Io personalmente potrei farti un buon caffè con un pentolino ed un fazzoletto (pulito) di cotone per filtrarlo.
  • D: quale macchina di caffè è buona
  • R: Ma sei "de coccio"? una vale l'altra per l'uso "normale". Per i più esigenti poi basta cercare in rete o chiedere direttamente a me. Per me la più buona è la macchina croccante con un filino d'olio sopra.
  • D: trova tutto porno casalihe anziane mature
  • R: Ragazzo mio... hai dei problemi seri.   Prova a mettere un annuncio in parrocchia, spesso le vecchie maiale si annidano in quei luoghi.
  • D: come posizionare filtro caffettiera
  • R: Se non lo hai mai fatto prima è sicuramente complicato: tieni il tubicino con pollice ed indice mantenendo il filtro verticale con il cestello rivolto verso l'alto, poi con l'altra mano prendi la polvere di caffè con un cucchiaino (attenzione: il barattolo va aperto PRIMA di provare a prendere il caffè!) e la versi nel cestello. Quando è pieno prendi il cestello con entrambe le mani e lo infili dentro la caldaia (il caffè deve rimanere sempre nel cestello, NON VA VUOTATO dentro la caldaia) in senso assiale. A questo punto potrai avvitare la parte superiore. Se proprio non ce la fai, chiama la mamma.
  • D: come distinguere mokona
  • R: Immagina...       tu    , in un enorme negozio di elettrodomestici...       ti avvicini alle macchine da caffè...                Sono tutte così belle!    e colorate!       di tantissime forme... bene... ora immagina una moka da 40 tazze...è proprio grande vero? bene. QUELLA E' LA MOKONA. Ora la distingui?
  • D: poca crema macchina caffè mokona
  • R: buttala via. E' il lento ma inesorabile processo di autodistruzione che la caratterizza. Non farla soffrire! Anche i cavalli azzoppati venivano uccisi dai Cowboys per risparmiarne il dolore...
  • D: quanto dura il caffe fatto in caffettiera
  • R: Un casino di tempo! Pensa che nella tomba di Tutankamon ritrovarono un espresso in tazza di terracotta con ancora la crema intatta. Si è portati a credere che Carter ne assaggiò un pochino.

Post popolari in questo blog

Sostituire la guarnizione di una caffettiera: il piccolo tutorial

Monitorando le chiavi di ricerca ho notato 2 cose:
tante persone non sono in grado di sostituire una guarnizione (mica siamo tutti esperti manutentori...)tante persone, anzi tantissime, vorrebbero sostituire la guarnizione della MokonaBialetti; il motivo non lo capisco visto che la mia Elektra spara da 4 a 6 caffè giornalieri da più di tre anni, e non l'ho mai sostituita. Possibile che si sia risparmiato anche sulla GOMMA durante la progettazione di quella incredibile macchina ??
Cambiare una guarnizione è molto semplice quando la macchina non è rimasta ferma per tanti anni: si fa leva con un coltellino (attenzione!) , la si toglie tutta intera, e si rimette la guarnizione nuova.
Poi vanno fatti un paio di caffè a vuoto, prima solo con acqua e poi con il caffè, per dare modo alla gomma di modellarsi e fare una buona tenuta.

L'amico Darril mi ha chiesto ieri lumi sulla sostituzione per una Ballarini, e viste le condizioni "granitiche" della mia guarnizione, ho colto la pa…

Caffè: analisi della mancata evoluzione gustativa italiana (1884-1984)

Voglio sollevare un velo.
Voglio raccontare in breve una storia triste, sotto gli occhi di tutti da fin troppi anni.
E lo farò partendo da una domanda:
perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo?

Facilità d’uso. Costo dei materiali. Resa gustativa in tazza.

Perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo.. tranne che in Italia?

Partiamo con un po’ di storia…
Nel 1884 Angelo Moriondo (link)
presenta all’esposizione di Torino (link)
la sua invenzione : una grande  macchina da caffè a pressione di vapore capace di produrre centinaia di caffè all’ora.

Già Loysel nel 1861 aveva tentato la strada della produzione di caffè di massa con il suo enorme e certamente meno pratico percolatore idrostatico.

La differenza nella macchina di Moriondo stava tutta nella spinta del vapore in pressione (circa 1,5 bar) che conferiva al caffè un gusto decisamente nuovo: il sapore amaro e bruciato
Era nato il caffè Espresso.
Questa invenzione rivoluzi…

Come pulire e lucidare una caffettiera : il tutorial

Dopo aver ricevuto l'ennesima richiesta di documentare il mio personale metodo di pulizia delle caffettiere, ecco finalmente un piccolo tutorial.

Attrezzature occorrenti:
Ovatta lucidante Duraglit per metalli e per argentoPaglietta in ferro
Carta assorbente tipo ScottexGuanti in gomma (nitrile)Sapone liquido per piattiAlcool denaturatoStracci puliti
Una dose massiccia di pazienzaQualche litro di olio di gomito
La cavia in questo caso era una Stella anni '50 in discrete condizioni.

Il primo passo consiste nel valutare il grado di ossidazione del metallo e la quantità di grasso che normalmente ricopre le macchine tenute su qualche mensola in cucina.
Nel caso ci fosse uno strato di grasso eccessivo, suggerisco di effettuare più passate di carta assorbente ben intrisa di alcool.
Nei casi più disperati si può ricorrere a diluenti nitro o acquaragia.

Una volta sgrassato le parti si può procedere con la prima passata di ovatta.
Per certi tipi di alluminio preferisco l'ovatta specifica per …