Passa ai contenuti principali

La Genetica del Caffè e web marketing

DemusLab, DNA-Analytica, Keré e Sesamo offrono un calendario educativo nel campo del caffè che copre due argomenti differenti: la genetica del caffè e le nuove frontiere di comunicazione e business offerte dal mondo web.
DNA- Analytica è una società spin-off dell’Università di Trieste che da più di un decennio fa analisi sul DNA della pianta di caffè; una ricca serra tropicale offre l’habitat ideale per la coltivazione e sul successivo studio del DNA delle più importanti varietà botaniche della specie Coffea. Keré è una società specializzata nei Social media marketing e ufficio stampa per il settore caffè. Sesamo è una società di comunicazione visiva che da tempo applica le nuove tecnologie del web al vasto mondo del caffè.
Calendario formativo:
29 ottobre: Corso di genetica del caffè
Il corso prevede una giornata di full-immersion di lezioni teoriche sulla genetica del caffè, sull’assaggio del caffè espresso e sul mercati internazionali del caffè e di come le varietà botaniche vengono trattate nei mercati internazionali. Gli argomenti di genetica saranno: geni ed ambiente, distinzione Arabica-Robusta, autofertilità, autosterilità ed effetti varietali, il genoma di Arabica, le varietà di Arabica, diversità genetica., metodi molecolari per la tracciabilità del prodotto, qualità del chicco e base genetica.
Docenti: prof. Giorgio Graziosi - Università degli Studi di Trieste, Massimiliano Fabian - Demuslab Srl, Andrej Godina PhD Scienza, Tecnologia ed Economia nell’Industria del Caffè.
30 ottobre: corso di vendita e promozione del caffè attraverso il web
Oggi più che mai il Web, le tecnologie digitali e le nuove frontiere della Realtà Aumentata aprono alle imprese molte opportunità per posizionarsi in modo strategico e competitivo sul mercato. Tablet, Smartphone, Qr code, social networks: questi strumenti fanno parte ormai della nostra quotidianità ed offrono nuove modalità di interazione con i consumatori contemporanei, che sono tecnologicamente avanzati, cosmopoliti e multimediali. Per affrontare le nuove sfide del mercato e gli scenari della crisi in maniera competitiva, è dunque necessario coniugare i canali di vendita e promozione tradizionali con quelli multimediali del web 2.0 e con le applicazioni digitali che la Realtà Aumentata offre anche al business. Il corso affronterà questi temi con approfondimenti teorici e sessioni pratiche al computer.
Docenti: Daniele Casprini - Sesamo Comunicazione Visiva, Barbara Todisco - Keré Social media marketing and press office
Luogo: Laboratorio assaggi caffè CCIAA di Trieste - via Travnik 7 , Trieste
Orario: dalle 9.00 alle 17.00
Costi: 29 ottobre: 700 euro - 30 ottobre: 500 euro
Diploma: i partecipanti riceveranno un attestato di partecipazione al corso con il logo della SCAE firmato dai docenti. Trainers Autorizzati SCAE: Massimilinao Fabian, e dr. Andrej Godina
Iscrizioni: per confermare la presenza ai corsi inviare una email a aj.godina@gmail.com
Coffee Education
29 - 30 ottobre 2012
Due corsi professionali di formazione sul caffè: genetica e web marketing.
DemusLab S.r.l. • Via Caboto 31 - 34147 • Trieste • Tel. 040 28 08 50 • email info@demuslab.it
DNA Analytica S.r.l. • Via Giorgieri 5 - 34147 • Trieste • Tel. 040 558 2450 • email info@dna-analytica.it
Sesamo Comunicazione Visiva Snc S.r.l. • Via del Cesto 81 - 50063 • Figline Valdarno (FI) • Tel. 055 9155878 • email info@sesamo.net

Post popolari in questo blog

Caffè: analisi della mancata evoluzione gustativa italiana (1884-1984)

Voglio sollevare un velo.
Voglio raccontare in breve una storia triste, sotto gli occhi di tutti da fin troppi anni.
E lo farò partendo da una domanda:
perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo?

Facilità d’uso. Costo dei materiali. Resa gustativa in tazza.

Perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo.. tranne che in Italia?

Partiamo con un po’ di storia…
Nel 1884 Angelo Moriondo (link)
presenta all’esposizione di Torino (link)
la sua invenzione : una grande  macchina da caffè a pressione di vapore capace di produrre centinaia di caffè all’ora.

Già Loysel nel 1861 aveva tentato la strada della produzione di caffè di massa con il suo enorme e certamente meno pratico percolatore idrostatico.

La differenza nella macchina di Moriondo stava tutta nella spinta del vapore in pressione (circa 1,5 bar) che conferiva al caffè un gusto decisamente nuovo: il sapore amaro e bruciato. 
Era nato il caffè Espresso.
Questa invenzione rivoluzi…

Sostituire la guarnizione di una caffettiera: il piccolo tutorial

Monitorando le chiavi di ricerca ho notato 2 cose:
tante persone non sono in grado di sostituire una guarnizione (mica siamo tutti esperti manutentori...)tante persone, anzi tantissime, vorrebbero sostituire la guarnizione della MokonaBialetti; il motivo non lo capisco visto che la mia Elektra spara da 4 a 6 caffè giornalieri da più di tre anni, e non l'ho mai sostituita. Possibile che si sia risparmiato anche sulla GOMMA durante la progettazione di quella incredibile macchina ??
Cambiare una guarnizione è molto semplice quando la macchina non è rimasta ferma per tanti anni: si fa leva con un coltellino (attenzione!) , la si toglie tutta intera, e si rimette la guarnizione nuova.
Poi vanno fatti un paio di caffè a vuoto, prima solo con acqua e poi con il caffè, per dare modo alla gomma di modellarsi e fare una buona tenuta.

L'amico Darril mi ha chiesto ieri lumi sulla sostituzione per una Ballarini, e viste le condizioni "granitiche" della mia guarnizione, ho colto la pa…

Come pulire e lucidare una caffettiera : il tutorial

Dopo aver ricevuto l'ennesima richiesta di documentare il mio personale metodo di pulizia delle caffettiere, ecco finalmente un piccolo tutorial.

Attrezzature occorrenti:
Ovatta lucidante Duraglit per metalli e per argentoPaglietta in ferro
Carta assorbente tipo ScottexGuanti in gomma (nitrile)Sapone liquido per piattiAlcool denaturatoStracci puliti
Una dose massiccia di pazienzaQualche litro di olio di gomito
La cavia in questo caso era una Stella anni '50 in discrete condizioni.

Il primo passo consiste nel valutare il grado di ossidazione del metallo e la quantità di grasso che normalmente ricopre le macchine tenute su qualche mensola in cucina.
Nel caso ci fosse uno strato di grasso eccessivo, suggerisco di effettuare più passate di carta assorbente ben intrisa di alcool.
Nei casi più disperati si può ricorrere a diluenti nitro o acquaragia.

Una volta sgrassato le parti si può procedere con la prima passata di ovatta.
Per certi tipi di alluminio preferisco l'ovatta specifica per …