lunedì 20 giugno 2011

Ordinaria manutenzione per la Bacchi (e non solo)

Perchè certe cose vanno manutenzionate?
Per mantenere il più possibile costanti nel tempo le loro condizioni di utilizzo.
I pneumatici vanno sostituiti ogni tanto.
Le parti a contatto vanno ingrassate.
L'olio va controllato e i filtri sostituiti ad intervalli regolari.

Ovvio?
Certamente!

Ma allora cosa succede al cervello dell'utente medio quando utilizza le macchine da caffè?
Dimentica tutto, non legge le istruzioni e poi quando la macchina comincia a funzionare male... cambia macchina.

Da un pò di tempo non ero del tutto soddisfatto del caffè ottenuto con la Bacchi.
Ma non avevo mai tempo per affrontare il problema.
Oggi sono in ferie e quindi...

La Bacchi più di molte altre macchine è soggetta ad un fenomeno di "backflush", ovverosia di flusso contrario di caffè dovuto al ritorno del pistone durante la fase di raffeddamento della macchina.
Il risultato? Dopo qualche centinaio di caffè alcuni buchini di passaggio del filtro si chiudono del tutto, otturati dalla parte grassa del caffè.
In questo modo l'acqua crea canali preferenziali e non riesce a bagnare in maniera uniforme il macinato.
Soluzione? Armarsi di santa pazienza, e con un ago sottile andare a "stappare" buco per buco.
Nella foto qui sopra potete vedere in quali condizioni fosse il mio filtro.
Questo procedimento lo potete utilizzare anche sulle altre macchine espresso, magari bollendo a lungo il filtro per ammorbidire il "cemento".
Sulle macchine espresso a leva la parte incriminata è lo screen, o doccetta che dir si voglia.
 Visto che ci siete date anche una pulitina allo parte superiore rimuovendo la vite di fissaggio.
Questa zona ha certamente meno problemi: una spugnetta non abrasiva e sapone per piatti la renderanno uno splendore in un attimo.
 Curate le vostre macchine!
Il vostro palato ve ne sarà grato.
Ed anche il vostro portafogli.

Nessun commento:

Posta un commento

Simpatica intervista alternativa

 Buona lettura! 😁 https://mag.sensaterra.com/it/2021/01/14/il-collezionismo-piu-di-700-caffettiere-antiche/