lunedì 5 ottobre 2009

Andrea Bacchi : il Leonardo da Vinci del caffè espresso

Talvolta, anzi sempre più spesso, mi capita di passeggiare a Trieste con lo sguardo ben alto, cercando di vedere i palazzi con gli occhi del turista.
La città si trasforma!
Ciò che era ovvio e scontato non lo è più, ogni più piccola sfumatura e particolare assume nuovi significati.

E questo concetto Andrea Bacchi lo applica con buon profitto al suo lavoro.
Osservare con gli occhi di un bambino, senza farsi troppo influenzare da quanto è stato fatto precedentemente: questo è il segreto degli inventori. Quelli veri.

Poco più di 40 anni , una quasi laurea in ingegneria ( ma un diploma alla scuola Ferrari di Maranello...) , Andrea gestisce uno studio tecnico di progettazione meccanica e consulenza dal nome BACCHI ENGINEERING da più di 17 anni
( www.bacchidesign.it ) .

Ed ovviamente è l'inventore e proprietario del brevetto della Bacchi Espresso, frutto di un'anno di prove continue, insuccessi, modifiche ed in ultimo... la perfezione.
In queste foto, da lui gentilmente concesse, possiamo ammirare i prototipi e gli sviluppi della macchina, della quale parlerò a breve in dettaglio, avendola comperata da poco.

Qui sopra invece si può vedere una sorta di alambicco: chissà se a breve potremo degustare una grappa al caffè preparata al momento!


Si , Andrea, ci siete riusciti, e seppur in imbarazzo per le mie
amatissime macchine a leva, devo ammetterlo, ci siete riusciti "maledettamente bene".

3 commenti:

  1. consiglia a andrea di mettere anche la traduzione in inglese, mission, coffee&more e credits se li ritrova già tradotti..e non gli converrebbe partecipare a host 2009?

    RispondiElimina
  2. bello!! aspettavo con ansia che la prendessi, così da avere un pò in info in più.

    Complimenti Lucio

    Ciao Marco

    RispondiElimina
  3. L'apettavano in tanti... e l'attesa sarà ripagata con una svolta epocale per le macchine espresso!
    Aspetta che mi passi l'influenza...

    RispondiElimina

Il test definitivo della moka

Ma che titolo pomposo! In realtà non c'è nulla di definitivo: ogni test è un esperimento quasi unico, ma oggi ho voluto farne sei p...