Passa ai contenuti principali

Le scuse del collezionista (criminal minds)

Vorrei tenere questo post "aperto" ai commenti ed alle integrazioni di tutti.

Da un'approfondita analisi del behavior analysis unit di Quantico, il collezionista
tipo è :
  1. maschio
  2. con un'età compresa tra 30 e 70 anni
  3. caucasico
  4. sociopatico
  5. affetto da disturbo compulsivo dell'acquisto
  6. geloso al parossismo nei confronti degli oggetti posseduti
Tali caratteristiche obbligano il soggetto ignoto (S.I.) a comportarsi in maniera subdola e fraudolenta nei confronti di familiari, amici e conoscenti; si aggira furtivo di notte alla ricerca dell'oggetto desiderato, scandagliando e monitorando il web ed i mercatini dell'antiquariato, ma una volta ottenutolo, ne desidera un'altro più bello e più caro, concatenando una sequenza di acquisti alla quale è difficile porre freno.

L' S.I. si mimetizza tra la folla, maschera le proprie intenzioni, e nel momento
a lui più propizio, colpisce il malaugurato venditore con offerte oscene, infamanti
ed indegne.

In seguito all'acquisto, resosi conto dell'atto privo di raziocinio ed inopportuno, medita un'elenco sempre più colorito di scuse da porgere alla propria consorte :

  • non diresti mai, ma l'ho trovata appoggiata al muro
  • mi mancava proprio questa per completare una parte di collezione
  • non ho potuto fare a meno di prenderla: guarda che bella!
  • è costata pochissimo
  • me l'hanno regalata
  • costava 300 ma l'ho presa a solo 200
  • ce l'hanno tutti
  • mi piaceva da impazzire
  • tra qualche anno varrà un sacco di soldi
  • ok, l'ho fatto di nuovo, ma quando voglio smetto
  • l'ho presa per te.....
  • si intona con il colore dei tuoi occhi
  • no, non è nuova, ce l'avevo in cantina in uno scatolone, non ricordi?(G)
  • bella eh? prova a dire quanto l'ho pagata... (e poi si dimezza la stima della consorte)
  • soldi sarà che noi non saremo (a Trieste)
  • l'avevo già pagata 2 mesi fa e la stavo aspettando da un amico
  • ho fatto uno scambio
  • ce l'avevo già ma l'ho fatta restaurare ed adesso è più lucida(G)
  • e tu, quante paia di scarpe hai?
  • lo so che in questo momento così delicato non era proprio il caso, ma l'ho fatto perchè mi sentivo giù di morale.
  • Su E-bay l'hanno venduta a 4 volte tanto (S.)
  • Oggi sono stato proprio fortunato
  • L'ho comprata per un amico collezionista.(G)
  • Questa la rivendo quando e come voglio, anche al triplo.(G)
  • Si, lo so, ce l'avevo già ma è rarissima.(G)
  • E' costata una cifra ma adesso mi fermo almeno per sei mesi.(G)
  • La cercavo da anni. Non l'ho mai vista da nessun collezionista.(G)
  • Ti ho comprato anche i tortelli di zucca i tuoi preferiti ....(tornando da Gonzaga).(G)
  • Un'alzataccia. Non c'era una mazza. Ho preso (con l'espressione avvilita) solo questa piccola ad alcool, questa banale elettrica e questa incompleta. (G)
  • Non fumo, non bevo, non mi drogo...potrò avere un piccolo vizio ? (G)
  • Mi sembra di averla vista sul Bramah (G)
  • E' simile ad una che ho visto sul Bramah (G)
  • Credevo fosse pubblicata sul Bramah... (G)
  • Ma è identica a quella la? No, il beccuccio è da tre (G)
  • l'ho comprata per tua madre, quella santa donna così discreta e riservata nei nostri confronti che se la meritava... (F)
  • ne avevo chiesta una dorata e la bionda commessa mi ha detto che se la seguivo nel retrobottega me la faceva vedere... (F)
  • l'ho presa solo per il mio amico lucio che lui altrimenti prende certe sole... (F)
  • Mah no ! no la xe nova, la gavevo za.. la go tirada fora per guardarla (A)
  • No la go comprada per mi... la xe per quel mulo.... te sa che me fazo sempre convinzer a far favori (A)
  • Iera un toco unico rarissimo no podevo no comprarlo (A)
  • Costava una miseria.... la xe una monada (A)
  • Me serviva per completar una serie... comunque costava una miseria (A)
  • la go comprada per disperazion per no tornar a mani svode... comunque come al solito la costava un'inezia (A)
  • ma cosa dici? l' ho comprata solo per rivenderla! (e accantono in cantina)(AM)
  • questa è magnifica! è una sorpresa: ne ABBIAMO già altre così, e anche della stessa dimensione, ma il colore...(AM)
  • era un'occasione alla quale non potevo rinunciare: mi servono i pezzi di ricambio(AM)
  • tanto adesso vendo il nintendo così posso acquistarne altre(AM)
  • questa era lì, sola soletta che mi chiamava...(AM)

Post popolari in questo blog

Sostituire la guarnizione di una caffettiera: il piccolo tutorial

Monitorando le chiavi di ricerca ho notato 2 cose:
tante persone non sono in grado di sostituire una guarnizione (mica siamo tutti esperti manutentori...)tante persone, anzi tantissime, vorrebbero sostituire la guarnizione della MokonaBialetti; il motivo non lo capisco visto che la mia Elektra spara da 4 a 6 caffè giornalieri da più di tre anni, e non l'ho mai sostituita. Possibile che si sia risparmiato anche sulla GOMMA durante la progettazione di quella incredibile macchina ??
Cambiare una guarnizione è molto semplice quando la macchina non è rimasta ferma per tanti anni: si fa leva con un coltellino (attenzione!) , la si toglie tutta intera, e si rimette la guarnizione nuova.
Poi vanno fatti un paio di caffè a vuoto, prima solo con acqua e poi con il caffè, per dare modo alla gomma di modellarsi e fare una buona tenuta.

L'amico Darril mi ha chiesto ieri lumi sulla sostituzione per una Ballarini, e viste le condizioni "granitiche" della mia guarnizione, ho colto la pa…

Caffè: analisi della mancata evoluzione gustativa italiana (1884-1984)

Voglio sollevare un velo.
Voglio raccontare in breve una storia triste, sotto gli occhi di tutti da fin troppi anni.
E lo farò partendo da una domanda:
perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo?

Facilità d’uso. Costo dei materiali. Resa gustativa in tazza.

Perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo.. tranne che in Italia?

Partiamo con un po’ di storia…
Nel 1884 Angelo Moriondo (link)
presenta all’esposizione di Torino (link)
la sua invenzione : una grande  macchina da caffè a pressione di vapore capace di produrre centinaia di caffè all’ora.

Già Loysel nel 1861 aveva tentato la strada della produzione di caffè di massa con il suo enorme e certamente meno pratico percolatore idrostatico.

La differenza nella macchina di Moriondo stava tutta nella spinta del vapore in pressione (circa 1,5 bar) che conferiva al caffè un gusto decisamente nuovo: il sapore amaro e bruciato
Era nato il caffè Espresso.
Questa invenzione rivoluzi…

Come pulire e lucidare una caffettiera : il tutorial

Dopo aver ricevuto l'ennesima richiesta di documentare il mio personale metodo di pulizia delle caffettiere, ecco finalmente un piccolo tutorial.

Attrezzature occorrenti:
Ovatta lucidante Duraglit per metalli e per argentoPaglietta in ferro
Carta assorbente tipo ScottexGuanti in gomma (nitrile)Sapone liquido per piattiAlcool denaturatoStracci puliti
Una dose massiccia di pazienzaQualche litro di olio di gomito
La cavia in questo caso era una Stella anni '50 in discrete condizioni.

Il primo passo consiste nel valutare il grado di ossidazione del metallo e la quantità di grasso che normalmente ricopre le macchine tenute su qualche mensola in cucina.
Nel caso ci fosse uno strato di grasso eccessivo, suggerisco di effettuare più passate di carta assorbente ben intrisa di alcool.
Nei casi più disperati si può ricorrere a diluenti nitro o acquaragia.

Una volta sgrassato le parti si può procedere con la prima passata di ovatta.
Per certi tipi di alluminio preferisco l'ovatta specifica per …