domenica 9 agosto 2009

Jolly Express Multipla di Ballarini


La Ballarini di Rivarolo Mantovano produsse verso la fine degli anni '50
una macchina da caffè sicuramente "diversa" dalle altre.
In realtà l'azienda fondata alla fine dell'800 era ed è tuttora specializzata nella
produzione di pentole, quindi le soluzioni furono sicuramente alternative rispetto alla concorrenza.



Nei disegni del brevetto risalente al 1956, si possono già intuire le finalità
dell progetto: la produzione di diverse quantità di caffè con una sola macchina.

Esternamente la Jolly si presenta slanciata, elegante e sinuosa.

Ma già dopo aver sollevato il coperchio ecco la prima sorpresa:
un camino composto da 2 camicie concentriche.

La base anch'essa molto elegante ha il bordo fittamente zigrinato.

Una volta aperta ecco la sorpresa maggiore: manca l'usuale screen superiore, in questo caso integrato nel filtro.
Il mio diavoletto interno vorrebbe farmi commentare con sagace sarcasmo l'istruzione incisa a caratteri cubitali... sono certo che tutti avranno lo stesso pensiero.
Ma nel 1957 la malizia proprio non esisteva?

Il filtro è composto da 2 parti distinte: quella superiore è provvista
di un perno guida con delle tacche che permettevano il bloccaggio ad altezze via via inferiori.

I numeri incisi sul fianco indicano il numero delle tazze ottenibili.

L'idea era sicuramente buona....
I materiali ottimi...
La qualità delle lavorazioni estremamente buona....
Quindi?

Gli oggetti da cucina negli anni '50 e '60 erano usati principalmente dal gentil sesso, ma non tutte le aziende ne tenevano conto .
Una volta ottenuto il caffè, bisognava pulire la macchina (il famoso foro..) ed a quel punto iniziavano i problemi: con la moka il caffè "esausto" (i fondi) finiva facilmente nelle immondizie; con la qui presente il lavoro era sicuramente più gravoso, creando schizzi e sporco all'interno del lavello, vanificando così i pregi intrinsechi della macchina.

Un peccato, ma non tutte le ciambelle riescono ...
con il foro !

8 commenti:

  1. geniale... a livello degli Introvabili di Euronova!

    RispondiElimina
  2. Hi, I have a copper coffee pot made by irmel. Is it worth money. Many thanks, John,

    RispondiElimina
  3. No, it's a common one. But if you love it, it will worth like a treasure.

    RispondiElimina
  4. Hello Lucio, I tried to make some sense of your italian description by the google translator... so I'm not sure: Is this pretty moka pot useful simply for brewing coffee or espresso if you don't expect to much? ( I suppose, if you are a espresso fanatic you won't expect much from alle the mokka pots of the world anyway) - but for me as a simple "user"? Is it useful, or not recommendable?

    Greetings!

    Hermann

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hello Hermann,
      Google translator is really terrible.
      This moka is funny but to be honest I would reccomend you one moka Bialetti (old production...)
      The moka taste is fantastic, but you have to get used to it in few months.

      Elimina
    2. Lucio,

      I'm sorry I'm still not sure whether i understand you right. What's the disadvantage of the jolly express? Is it difficult to handle or does the moka tastes bad?

      Elimina
    3. Bialetti is easier to use, and you'll need to spend some time to find a gasket to fit in it.

      Elimina
  5. Un mio amico mi sta facendo il caffè con questa macchinetta. Incuriosita l ho cercata in rete...eccezionale.

    RispondiElimina

Simpatica intervista alternativa

 Buona lettura! 😁 https://mag.sensaterra.com/it/2021/01/14/il-collezionismo-piu-di-700-caffettiere-antiche/