domenica 20 giugno 2010

La Vecia Corte Sconta


In taberna quando sumus,
non curamus quid sit humus,
sed ad ludum properamus,
cui semper insudamus.
Quid agatur in taberna,
ubi nummos est pincerna,
hoc est opus ut queratur:
si quid loquar audiatur.

Quidam ludunt, quidam bibunt,
quidam indiscrete vivunt.
Sed in ludo qui morantur,
ex his quidam denudantur,
quidam ibi vestiuntur,
quidam saccis induuntur.
Ibi nullus timet mortem,
sed pro bacho mittunt sortem.
(la traduzione al termine del post)

 A Gorizia, nella parte più antica e suggestiva della città, in via Rastello, potreste avere la fortuna di intravedere l'ingresso di uno dei gioielli più reconditi della "Nizza dell'Adriatico".
Entrate, orsù, senza timore, affrontate il tunnel che porta ad una serie di corti disposte su più livelli.
Troverete Nataša che vi accoglierà con un sorriso speciale.

In altre città un siffatto locale sarebbe densamente popolato, le genti di Gorizia invece preferiscono altri punti d'incontro, sicuramente più rumorosi e scarsamente eleganti.
Il carattere elitario però è anche il punto di forza di questo così particolare Wine Bar.
Le persone che ivi si riuniscono o s'incontrano per caso, sono tutte un pò "speciali".

Lo scorso mercoledì le pareti interne hanno accolto in un caldo abbraccio i quadri di Serena.
E l'ambiente si è trasformato in un turbinio di colori e soprattutto di emozioni.
Abbiamo condiviso la gioiosa occasione con i nostri più cari amici, e qualche personaggio di spicco della provincia isontina.

In molti la sorpresa è stata ... palpabile.
In pochi mesi la qualità dei quadri della giovane artista hanno raggiunto livelli di eccellenza.

Noti esperti d'arte hanno espresso lodi imbarazzanti.

Come sempre i miei commenti sono di parte, ma comunque oggettivi ( sono il primo critico di mia moglie !).

Andate tutti alla Vecia Corte Sconta, possibilmente entro il 24 luglio, data ultima dell'esposizione, e scoprite questo incantevole luogo.


Quando siamo in osteria
La realta' se ne va via
Ma al gioco ci affrettiamo
Per il quale noi impazziamo
Cio' che accade all'osteria
Dove il soldo fa allegria
Questa e' cosa interessante
Ascoltate a orecchie attente:

C'e' chi gioca e c'e' chi beve
chi indecentemente vive
C'e' chi e' vittima del gioco
E a chi resta niente o poco
C'e' chi n'esce riverito
Chi di sacco e' rivestito.
Li' nessun teme la morte
Ma per Bacco sfida sorte

Nessun commento:

Posta un commento

Simpatica intervista alternativa

 Buona lettura! 😁 https://mag.sensaterra.com/it/2021/01/14/il-collezionismo-piu-di-700-caffettiere-antiche/