Passa ai contenuti principali

Caffettiera espresso "Vesuvio" Zani&Zani , design Gaetano Pesce


Quando la tecnica per la produzione di caffè casalingo incontra l'Arte,
si creano dei piccoli capolavori.
Ma l'Arte non piace a tutti, e certe forme d'arte non piacciono a tutti.
Questa è una caffettiera tra le più controverse: o si ama o si odia.
Nessuna via di mezzo.
Gaetano Pesce
Nota biografica
Architetto, artista e designer, nasce a La Spezia nel 1939.
Dal 1958 al 1963 frequenta a Venezia la facoltà di Architettura presso lo IUAV (fra i
docenti Franco Albini, Ludovico B. di Belgiojoso, Ignazio Gardella, Luigi Piccinato,
Giuseppe Samonà, Carlo Scarpa e Bruno Zevi) e segue come uditore lezioni all’Istituto
Superiore di Disegno Industriale. Esponente di quel movimento culturale definito da
Germano Celant “Radical Design” e successivamente del “nuovo design italiano”,
mostra, già durante gli anni dell’università, la propensione per l’uso di espressioni
artistiche multiple, incentrate sull’uomo e le sue esigenze. Definito da Carlo Scarpa
“l’uomo di schiuma” per l’abilità e l’interesse nell’uso di materiali plastici schiumati, ha
tratto dalla sperimentazione diretta con resine e materiali plastici in genere spunti per
la progettazione originale di oggetti.
Nel 1957 fonda a Padova il movimento d’arte programmata Gruppo N, a partire dal
quale ha voluto confrontarsi con altri movimenti artistici a livello nazionale e
internazionale quali il Gruppo T e il francese Groupe de Recherche d’Art Visuel. Nel
1965 presenta il Primo manifesto per un’architettura elastica al congresso «La società
nell’architettura» a Jyvaskyla, in Finlandia. Nel 1971 fonda a Genova, con Cesare
Cassina e Francesco Binfarè, la Compagnia Bracciodiferro, centro per la produzione di
oggetti sperimentali in piccola serie. Nel 1972 è invitato a partecipare alla mostra
curata da Emilio Ambasz al MoMA di New York: «Italy, the New Domestic Landscape».
Presente nel 1965 nei paesi del Nord Europa, e in particolare in Finlandia, si è trasferito
successivamente a Parigi (dove ha vissuto per quindici anni) e, dal 1980, a New York,
dove ha svolto anche attività didattica presso la Cooper Union, con John Hejduk, Peter
Eisenman e Raimund Abraham. Gaetano Pesce ha insegnato anche presso l’École
d’Architecture de Strasbourg, la Pittsburg Carnegie Mellon, il Politecnico di Hong
Kong, la Domus Academy di Milano e la Scuola di architettura di San Paolo del Brasile.
Ha inoltre promosso esperienze di autoproduzione sia con il citato marchio
Bracciodiferro sia con i più recenti Fish Design e Open Sky.
Numerose le mostre organizzate sulla sua opera in tutto il mondo, fra le quali si
ricordano: «Le future est peut-être passé», al Centre de Création Industrielle, Musée
des art décoratifs di Parigi nel 1975; «Art-Architecture», al Carpenter Center for Visual
Arts della Harvard University di Cambridge ne 1985 e la più recente «Les temps des
questions», al Centre George Pompidou di Parigi nel 1996 e le piu recenti «Il rumore
del tempo», alla Triennale di Milano nel 2005 e «Pieces from a Larger Puzzle», all'ICI di
Los Angeles, nel 2010.
Fra i progetti sperimentali di architettura sviluppati da Pesce si citano: il Loft
verticale, del 1982, un edificio con le pareti di mattoni di poliuretano rigido; la
ristrutturazione dell’appartamento del fotografo Marc-André Hubin a Parigi del 1986;
gli interni dell’agenzia pubblicitaria TBWA Chiat/Jay a New York del 1994; la torre
residenziale per l’habitat individualizzato a San Paolo del Brasile del 1989; l’Organic
Building di Osaka nel 1990, la sua casa di vacanze a Bahia in Brasile, con pareti in
caucciù del 1998, il Souvenir Shop del Millennio, interamente in silicone, ad Avignone,
del 2001 e il Pink Pavilion alla Triennale Bovisa a Milano, realizzato in schiuma morbida
di poliuretano nel 2007.
Fra i principali prodotti sviluppati con note aziende si ricordano invece: poltrone e
sedute serie Up (1969) e poltrona Yeti (1968-69), per C&B; insieme di tavoli Arca e sedie
Golgotha (1972-73); poltrona Sit Down (1975), divani Cannaregio (1987), tavolo
Sansone, sedute Dalila (1980), divano Tramonto a New York (1980) e poltrone I feltri
(1987) per Cassina; bottiglia per l’acqua minerale Vittel (1986-87); sedia Green Street
Chair (1984) per Vitra; caffettiera Vesuvio (1992) Zani&Zani; sedia, tavolo e poltroncine
Broadway 543 (1995-2001) per Bernini; sedia Umbrella Chair (1995) e complementi
Nobody’s Perfect (2002) per Zerodisegno; divani e poltrone Michetta per Meritalia
(2005-2006); le Edizioni del Pesce (2010) per Meritalia".
Tratto da: C. Martino, Gaetano Pesce. Materia e differenza, Marsilio Editori, Venezia 2007, p. 92.
Questa è una caffettiera rara.
Ricercata.
Costosa.
Ne ho viste un paio in questi anni, mai con la scatola originale.
La macchina è davvero unica, con un mantello in resina termoresistente che simboleggia il famoso vulcano pertenopeo.
Sopra uno sbuffo di fumo bianco..
.. a metà la lava rosso sangue..
.. e in basso la montagna.
Tecnicamente è una moka, ma non pensiate mai di usarla!
La Vesuvio è in vendita, 
i pochi fortunati che potranno permettersela
potranno contattare il sig.

Paolo Taiocchi 
- interior designer - 


                                                            Mobile +39 3406263424

                                                               Skype:  paolotaiocchi

                                         www.paolotaiocchi.it



Post popolari in questo blog

Caffè: analisi della mancata evoluzione gustativa italiana (1884-1984)

Voglio sollevare un velo.
Voglio raccontare in breve una storia triste, sotto gli occhi di tutti da fin troppi anni.
E lo farò partendo da una domanda:
perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo?

Facilità d’uso. Costo dei materiali. Resa gustativa in tazza.

Perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo.. tranne che in Italia?

Partiamo con un po’ di storia…
Nel 1884 Angelo Moriondo (link)
presenta all’esposizione di Torino (link)
la sua invenzione : una grande  macchina da caffè a pressione di vapore capace di produrre centinaia di caffè all’ora.

Già Loysel nel 1861 aveva tentato la strada della produzione di caffè di massa con il suo enorme e certamente meno pratico percolatore idrostatico.

La differenza nella macchina di Moriondo stava tutta nella spinta del vapore in pressione (circa 1,5 bar) che conferiva al caffè un gusto decisamente nuovo: il sapore amaro e bruciato
Era nato il caffè Espresso.
Questa invenzione rivoluzi…

Sostituire la guarnizione di una caffettiera: il piccolo tutorial

Monitorando le chiavi di ricerca ho notato 2 cose:
tante persone non sono in grado di sostituire una guarnizione (mica siamo tutti esperti manutentori...)tante persone, anzi tantissime, vorrebbero sostituire la guarnizione della MokonaBialetti; il motivo non lo capisco visto che la mia Elektra spara da 4 a 6 caffè giornalieri da più di tre anni, e non l'ho mai sostituita. Possibile che si sia risparmiato anche sulla GOMMA durante la progettazione di quella incredibile macchina ??
Cambiare una guarnizione è molto semplice quando la macchina non è rimasta ferma per tanti anni: si fa leva con un coltellino (attenzione!) , la si toglie tutta intera, e si rimette la guarnizione nuova.
Poi vanno fatti un paio di caffè a vuoto, prima solo con acqua e poi con il caffè, per dare modo alla gomma di modellarsi e fare una buona tenuta.

L'amico Darril mi ha chiesto ieri lumi sulla sostituzione per una Ballarini, e viste le condizioni "granitiche" della mia guarnizione, ho colto la pa…

Come pulire e lucidare una caffettiera : il tutorial

Dopo aver ricevuto l'ennesima richiesta di documentare il mio personale metodo di pulizia delle caffettiere, ecco finalmente un piccolo tutorial.

Attrezzature occorrenti:
Ovatta lucidante Duraglit per metalli e per argentoPaglietta in ferro
Carta assorbente tipo ScottexGuanti in gomma (nitrile)Sapone liquido per piattiAlcool denaturatoStracci puliti
Una dose massiccia di pazienzaQualche litro di olio di gomito
La cavia in questo caso era una Stella anni '50 in discrete condizioni.

Il primo passo consiste nel valutare il grado di ossidazione del metallo e la quantità di grasso che normalmente ricopre le macchine tenute su qualche mensola in cucina.
Nel caso ci fosse uno strato di grasso eccessivo, suggerisco di effettuare più passate di carta assorbente ben intrisa di alcool.
Nei casi più disperati si può ricorrere a diluenti nitro o acquaragia.

Una volta sgrassato le parti si può procedere con la prima passata di ovatta.
Per certi tipi di alluminio preferisco l'ovatta specifica per …