Passa ai contenuti principali

Il Grande Giappone 大日本京都

Si consiglia la lettura del testo accompagnata dall'ascolto di questo brano:

Ogni oggetto pensato e poi realizzato dall'essere umano, reca con sè ulteriori valori aggiunti, sommati al valore effettivo o commerciale.
Sogni, Aspettative, Amore, Storia, Cultura.
Qualità senza prezzo per chi le riesce a cogliere.

Quando poi s'incontrano oggetti talmente speciali da togliere il fiato, l'adorazione trascende il semplice aspetto materiale.
L'immaginazione si mescola a visioni più o meno reali, stimolate anche dal contatto fisico con la materia.
Non sto parlando ovviamente di oggetti prodotti in serie su larga scala, ma di vere e proprie opere d'arte uniche e non replicabili.

Oggi voglio rendervi partecipi di un'emozione.

Immaginiamo assieme il Giappone della seconda metà dell'800: una Civiltà ricca di tradizioni millenarie, catapultata in maniera quasi brutale da uno stile di vita medioevale ad uno modernissimo.
Il 31 marzo 1854 il trattato di Kanagawa, imposto dagli Stati Uniti, pose fine alla politica di isolazionismo (Sakoku o "paese blindato") del periodo Edo, durata quasi 200 anni.
I commerci con l'estero poterono quindi svilupparsi liberamente e molte delegazioni partirono in visita presso i paesi occidentali per apprendere un nuovo stile di vita e scoprire le meravigliose novità tecnologiche dell'epoca.
La partecipazione giapponese all'Esposizione Universale di Parigi del 1867 fu certamente un'ulteriore "trauma culturale" per i partecipanti: una sorta di viaggio nel futuro.

Forse in quell'occasione ci furono i primi assaggi di una nuova e strana bevanda: il caffè.
In Francia, in quegli anni, la caffettiera più diffusa era sicuramente quella brevettata da monsieur Hadrot nel 1806, dotata di pestello pressacaffè, o la sua modifica composta da un diffusore dell'acqua che andava a bagnare in maniera uniforme il macinato.
 Negli anni a seguire gli olandesi iniziarono ad esportare piccoli quantitativi di caffè verso il Giappone, ma la nuova moda non prese piede fino al secondo dopoguerra..

Eppure...
...eppure qualcuno arrivò a Kyoto con dei disegni costruttivi,
oppure con un semplice disegno copiato rapidamente dal vero..
Magari un ricco commerciante straniero..
..che commissionò alla ditta Dai nippon (大日本) una caffettiera "speciale".
Una Caffettiera cesellata finemente a mano, dove la microscopica difformità di ogni elemento ripetuto ne amplifica all'infinito la difficoltà di realizzazione.
Rame, ottone, ferro.
Qualche goccia di stagno.
Alberi, foglie, farfalle, uccelli, fiumi, fiori.. ne cogliete i profumi?
L'essenza della Bellezza della Natura.
Ed un pò nascosto, nel lato posteriore del supporto...
.. un cartiglio!
A chi avrei potuto rivolgermi per un expertising di un tale gioiello?
Ovviamente al Guru Nazionale, sicuramente il massimo esperto Mondiale di caffettiere ottocentesche: Mauro Carli.
Non solo mi confermò l'assoluta rarità (e bellezza ) dell'oggetto, ma riuscì persino a trovarmi una traduttrice!
Qui sopra possiamo vedere la traduzione originale della gentilissima signora Kazuyo  Hada  (Cecina, LI).
Dai nippon di Kyoto il nome della ditta; Murakami Takejìro il nome del genio cesellatore, (in arte Zou).
Da una stampa d'epoca possiamo ammirare gli eleganti caratteri kanji della parola "Dai Nippon" che letteralmente significa Grande Giappone (nel cartiglio visibile in alto a destra)
La conformazione dell'ingresso del fornello ci fa intuire che in origine venisse utilizzato un modello a coppetta spegnifiamma e regolazione dello stoppino con rinvio esterno.
Il fiore riprodotto sul coperchio assomiglia ad un Mandala indiano.
Il diffusore in latta ed il rivestimento interno della caffettiera evitavano contaminazioni "aromatiche" di rame nella bevanda.
Spero di avervi fatto apprezzare quest'oggetto unico con queste poche righe; l'unica caffettiera di tutta la mia collezione firmata dal suo autore, Murakami Takejìro, testimone di un'epoca purtroppo perduta per sempre.

ありがとうございます


Post popolari in questo blog

Caffè: analisi della mancata evoluzione gustativa italiana (1884-1984)

Voglio sollevare un velo.
Voglio raccontare in breve una storia triste, sotto gli occhi di tutti da fin troppi anni.
E lo farò partendo da una domanda:
perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo?

Facilità d’uso. Costo dei materiali. Resa gustativa in tazza.

Perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo.. tranne che in Italia?

Partiamo con un po’ di storia…
Nel 1884 Angelo Moriondo (link)
presenta all’esposizione di Torino (link)
la sua invenzione : una grande  macchina da caffè a pressione di vapore capace di produrre centinaia di caffè all’ora.

Già Loysel nel 1861 aveva tentato la strada della produzione di caffè di massa con il suo enorme e certamente meno pratico percolatore idrostatico.

La differenza nella macchina di Moriondo stava tutta nella spinta del vapore in pressione (circa 1,5 bar) che conferiva al caffè un gusto decisamente nuovo: il sapore amaro e bruciato. 
Era nato il caffè Espresso.
Questa invenzione rivoluzi…

Sostituire la guarnizione di una caffettiera: il piccolo tutorial

Monitorando le chiavi di ricerca ho notato 2 cose:
tante persone non sono in grado di sostituire una guarnizione (mica siamo tutti esperti manutentori...)tante persone, anzi tantissime, vorrebbero sostituire la guarnizione della MokonaBialetti; il motivo non lo capisco visto che la mia Elektra spara da 4 a 6 caffè giornalieri da più di tre anni, e non l'ho mai sostituita. Possibile che si sia risparmiato anche sulla GOMMA durante la progettazione di quella incredibile macchina ??
Cambiare una guarnizione è molto semplice quando la macchina non è rimasta ferma per tanti anni: si fa leva con un coltellino (attenzione!) , la si toglie tutta intera, e si rimette la guarnizione nuova.
Poi vanno fatti un paio di caffè a vuoto, prima solo con acqua e poi con il caffè, per dare modo alla gomma di modellarsi e fare una buona tenuta.

L'amico Darril mi ha chiesto ieri lumi sulla sostituzione per una Ballarini, e viste le condizioni "granitiche" della mia guarnizione, ho colto la pa…

Come pulire e lucidare una caffettiera : il tutorial

Dopo aver ricevuto l'ennesima richiesta di documentare il mio personale metodo di pulizia delle caffettiere, ecco finalmente un piccolo tutorial.

Attrezzature occorrenti:
Ovatta lucidante Duraglit per metalli e per argentoPaglietta in ferro
Carta assorbente tipo ScottexGuanti in gomma (nitrile)Sapone liquido per piattiAlcool denaturatoStracci puliti
Una dose massiccia di pazienzaQualche litro di olio di gomito
La cavia in questo caso era una Stella anni '50 in discrete condizioni.

Il primo passo consiste nel valutare il grado di ossidazione del metallo e la quantità di grasso che normalmente ricopre le macchine tenute su qualche mensola in cucina.
Nel caso ci fosse uno strato di grasso eccessivo, suggerisco di effettuare più passate di carta assorbente ben intrisa di alcool.
Nei casi più disperati si può ricorrere a diluenti nitro o acquaragia.

Una volta sgrassato le parti si può procedere con la prima passata di ovatta.
Per certi tipi di alluminio preferisco l'ovatta specifica per …