Passa ai contenuti principali

Alle origini....





Parlato abbiamo di una caffettiera chimica inventata in Parigi ma altre molte se ne sono prodotte dopo quell epoca dai migliori artisti Nel si sono perfezionate le caffettiere dette filtranti senza ebullizione ea bagno d aria in queste si sostituisce al graticcio in latta adoperato nelle caffettiere comuni un graticcio filtrante composto di stagno e di bismuto e si fa uso di uno del medesimo metallo guernito buchi per premere e spianare la polvere del caffè in un modo uniforme la composizione di quel è altronde inalterabile all acqua specie d imbuto è sostenuta un pollice al disopra della della polvere di modo che sola l azione dell acqua la divide pioggia minuta e facilita così la di estrazione che ciascuna dee produrre La caffettiera farmaco chimica dell Henrion della quale si è parlato ha ricevuti da altri artisti nel grandi perfezionamenti non descritti Nel 1815 si è pure inventata altra caffettiera composta di pezzi che si riuniscono gli uni sopra gli altri ma questa complicazione non produce altro se non che di facilitare la per mezzo di un bagno d aria fortemente riscaldata e di rendere insensibile la evaporazione Nel 1819 si è pure prodotta caffettiera filtrante senza evaporazione e nel 182o e nel 1824 si inventate caffettiere a doppio filtro in una delle quali pretendevasi preparare il caffè senza bollitura senza evaporazione Alcune di hanno ancora pigliato il nome loro inventori In Italia pure non solamente si adottate ed imitate nobilmente caffettiere inventate in Francia molte di esse si sono ancora migliorate sia col riformare i doppi fondi sia col rendere più efficace la fiamma dello spirito di vino sia col riscaldare maggiormente l aria concamerazioni sia finalmente far montare il vapore dell acqua bollente e farlo ricadere in pioggia filtro Alcuni artisti di si distinti in questo genere di lavori si sono renduti degni di premj onorevolissimi Nel 1813 è anche stata inventata Francia una caffettiera destinata per la toeletta sostenuta da tre piedi che può riscaldata egualmente sulle brage come con una piccola luccrna a di vino che la fa bollire in sctte minuti giacchè csscndo concavo e annerito il fondo il colore tutto il calorico Al di sopra caffettiera si colloca un piccolo bacino contenente il sapone in di palla e quel bacinetto o capsula riscaldata dal vapore fa meglio spumeggiare il sapone La caffettiera adunque serve a una tazza di caffe o di thè una medicina se occorre qualche colla qualche empiastro cosmetico che esiga una particolare diligenza e in viaggio riesce comodissima percè nell apparecchio si chiudono tanto il manico quanto la piccola lucerna chiusa con un turacciolo a vite perchè non si spanda lo spirito di vino ei piedi stessi si ripiegano al disotto onde tutto l apparato non formi un volume maggiore di quello di una piccola tazza Fin qui delle caffettiere di metallo o di latta ora acceneremo quelle che si sono inventate dai fabbricatori di porcellane Una caffettiera detta da viaggio ha pure inventato il signor Nast di Parigi nel 18o6 che consiste in un cilindro di porcellana chiuso da un opcrcolo di cristallo la di cui aderenza chiude ermeticamente l orifizio per mezzo di una vite di pressione sorretta dall orlo medesimo del cilindro Il caffè si colloca in un diaframma pure di porcellana tutto bucherato e sospeso nel liquido e dentro quello si opera la soluzione dei principj del caffè si versano quindi sul residuo alcuni cucchiaj d acqua per toglierne quella parte aromatica che ancora può ritenere e all infusione poi si mette il tutto a riscaldare Giova quest apparecchio principalmente per i viaggiatori perchè servendosi per l infusione di acqua calda possono da loro medesimi preparare il loro caffè in due o tre milnuti L inventore di questa caffettiera altra pure ne ha inventata nel 1811 da esso nominata caffettiera arabica Tutto in essa fino al piccolo crivello è fatto di porcellana e perfezionato in modo che più non può dubitarsi della riuscita Il caffe acquista molta fragranza allorchè è preparato nella caffettiera arabica colla semplice infusione riesce buono riscaldato diventa assai migliore e allora si sviluppano tutte sue qualità Per il servizio ordinario di una famiglia basta una caffettiera di dodici tazze e se per caso se ne infrange qualche pezzo facilissimo riesce il sostituirne un altro .

Post popolari in questo blog

Caffè: analisi della mancata evoluzione gustativa italiana (1884-1984)

Voglio sollevare un velo.
Voglio raccontare in breve una storia triste, sotto gli occhi di tutti da fin troppi anni.
E lo farò partendo da una domanda:
perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo?

Facilità d’uso. Costo dei materiali. Resa gustativa in tazza.

Perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo.. tranne che in Italia?

Partiamo con un po’ di storia…
Nel 1884 Angelo Moriondo (link)
presenta all’esposizione di Torino (link)
la sua invenzione : una grande  macchina da caffè a pressione di vapore capace di produrre centinaia di caffè all’ora.

Già Loysel nel 1861 aveva tentato la strada della produzione di caffè di massa con il suo enorme e certamente meno pratico percolatore idrostatico.

La differenza nella macchina di Moriondo stava tutta nella spinta del vapore in pressione (circa 1,5 bar) che conferiva al caffè un gusto decisamente nuovo: il sapore amaro e bruciato. 
Era nato il caffè Espresso.
Questa invenzione rivoluzi…

Sostituire la guarnizione di una caffettiera: il piccolo tutorial

Monitorando le chiavi di ricerca ho notato 2 cose:
tante persone non sono in grado di sostituire una guarnizione (mica siamo tutti esperti manutentori...)tante persone, anzi tantissime, vorrebbero sostituire la guarnizione della MokonaBialetti; il motivo non lo capisco visto che la mia Elektra spara da 4 a 6 caffè giornalieri da più di tre anni, e non l'ho mai sostituita. Possibile che si sia risparmiato anche sulla GOMMA durante la progettazione di quella incredibile macchina ??
Cambiare una guarnizione è molto semplice quando la macchina non è rimasta ferma per tanti anni: si fa leva con un coltellino (attenzione!) , la si toglie tutta intera, e si rimette la guarnizione nuova.
Poi vanno fatti un paio di caffè a vuoto, prima solo con acqua e poi con il caffè, per dare modo alla gomma di modellarsi e fare una buona tenuta.

L'amico Darril mi ha chiesto ieri lumi sulla sostituzione per una Ballarini, e viste le condizioni "granitiche" della mia guarnizione, ho colto la pa…

Come pulire e lucidare una caffettiera : il tutorial

Dopo aver ricevuto l'ennesima richiesta di documentare il mio personale metodo di pulizia delle caffettiere, ecco finalmente un piccolo tutorial.

Attrezzature occorrenti:
Ovatta lucidante Duraglit per metalli e per argentoPaglietta in ferro
Carta assorbente tipo ScottexGuanti in gomma (nitrile)Sapone liquido per piattiAlcool denaturatoStracci puliti
Una dose massiccia di pazienzaQualche litro di olio di gomito
La cavia in questo caso era una Stella anni '50 in discrete condizioni.

Il primo passo consiste nel valutare il grado di ossidazione del metallo e la quantità di grasso che normalmente ricopre le macchine tenute su qualche mensola in cucina.
Nel caso ci fosse uno strato di grasso eccessivo, suggerisco di effettuare più passate di carta assorbente ben intrisa di alcool.
Nei casi più disperati si può ricorrere a diluenti nitro o acquaragia.

Una volta sgrassato le parti si può procedere con la prima passata di ovatta.
Per certi tipi di alluminio preferisco l'ovatta specifica per …