Passa ai contenuti principali

Coffi: nuove idee italiane




Un paio di settimane fa, durante una delle mie consuete ricerche in rete, ho "scoperto" un nuovo prodotto.
Il nome mi ha attirato magneticamente: Coffi.
Si, scritto esattamente come lo si pronuncia in inglese.
Messo di buon'umore dalla sua denominazione, ho cercato di capire meglio di cosa si trattasse.

Vi consiglio una visita al bel sito http://www.coffi.it/
Quindi ho scritto una mail con entusiasmo e me ne sono fatto spedire un campione:
  • Reazione di mia moglie: ma cos'è sta roba? non è meglio il cucchiaino?
  • Reazione di mia figlia: questa paletta è BELLISSIMA.
 O si ama o si odia?
No, come sempre le novità sconcertano la nostra logica abitudinaria.

In un momento così pesante..
In una situazione di crisi economica, culturale e sempre più priva di regole morali...
... c'è chi ha nuove idee e soprattutto coraggio.
C'è chi decide di investire tempo, energie e denaro in un progetto semplice, ma assolutamente funzionale.

Questa persona si chiama Andrea Benfatto.

Qui sotto, a seguire, vi allego la storia dell'evoluzione del Coffi, inviatami da Andrea.
Prossimamente scriverò un post sul suo uso corretto, ma prima voglio imparare ad usarlo alla perfezione.
Vi anticipo solo che funziona molto bene, e che non solo rende più veloce e pratico il riempimento del filtro, ma soprattutto livella il caffè macinato in maniera eccellente, con risultati in tazza certamente migliori rispetto ai metodi tradizionali.
Non ci sono vuoti all'interno del filtro, zone disomogenee che incanalano l'acqua estraendo solo una parte del caffè...
Dosando all'interno del barattolo, il caffè in eccesso non viene sprecato o contaminato da sostanze estranee.

Al modico prezzo di 4 euro, vi portate a casa un'oggetto, prodotto in Italia, che potrà realmente migliorare il vostro caffè preparato con la moka.

Io ce l'ho, e ve lo consiglio!

Ciao Lucio,
mi fai rivivere bei ricordi nel riprendere in mano i primi modelli di prototipo.
Tutto nacque agli inizi dell’anno scorso, quando stanco di versare continuamente caffè nel caricare la moka, mi decisi
di trovare una soluzione semplice e pratica. Pensai in che modo potessi semplificare l’operazione di caricamento, onde
evitare di stare sempre attento a non versare, a caricare bene , e che fosse riempito completamente il filtro. Operazione
che di solito svolgevo in 30/40 secondi.
Finchè un giorno pensai: se Maometto non va alla montagna, la montagna va da maometto.
Presi il filtro, che normalmente era sempre sulla caldaia e lo portai dentro il barattolo di caffè.
L’idea c’era, ma quel gesto mi porto a riflettere tutta la notte sulla forma che poteva assumere un ipotetico dosacaffè.
Il giorno dopo, energico ed emozionato nel dare una dimensione al particolare, mi misi subito all’opera e con
determinazione ricavai da un pezzo di legno il particolare. Era estate, 40 gradi dentro la piccola casetta di legno, una
morsa, una lima e un trapano. 5 ore di sudore, polvere di legno ovunque, ma nacque il primo pezzo.


La prima prova ebbe subito esito positivo, ma andava perfezionato, e con alcuni accorgimenti e nuove proposte, gli
diedi una forma piu leggera, semplice ed intuitiva.
Questa volta però non ritornai nella casetta di legno o sauna, ma cambiai completamente sistema. Presi tutte le candele
che avevo in casa e le fusi in un tegame creando un blocco di cera.
Armato di taglierino incominciai a modellare il blocco, e pezzo dopo pezzo ricreai la forma desiderata.


Contento del buon risultato, non aspettai un momento nel provarlo. Perfetto, l’oggetto funzionava.
Incominciai ad usarlo quotidianamente per capiere realmente se l’oggetto funzionava come speravo.
Bene, la forma contenuta mi permetteva di lasciarlo dentro al barattolo di caffè e il diametro interno era dimensionato
per riuscire a riempire anche il filtro della 6 tazze.
Decisi all’ora di realizzare un prototipo in stereolitografia per avere il modello realmente corretto.


Una volta realizzato il pezzo iniziai la fase di brevetto, e dopo circa due mesi ci fu il deposito.
Il particolare fu analizzato molto accuratamente da uno studio professionale in modo tale che fosse coperto nel modo
assoluto da ogni copia o riproduzione simile.
La fase successiva fu quella di analizzare ed ottimizzare la realizzazione del particolare, e la scelta cadde sullo
stampaggio ad iniezione plastico.
Ci mancava una sola cosa: il nome. Dopo una lunga attesa, fu scelto di chiamarlo COFFI.


Post popolari in questo blog

Caffè: analisi della mancata evoluzione gustativa italiana (1884-1984)

Voglio sollevare un velo.
Voglio raccontare in breve una storia triste, sotto gli occhi di tutti da fin troppi anni.
E lo farò partendo da una domanda:
perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo?

Facilità d’uso. Costo dei materiali. Resa gustativa in tazza.

Perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo.. tranne che in Italia?

Partiamo con un po’ di storia…
Nel 1884 Angelo Moriondo (link)
presenta all’esposizione di Torino (link)
la sua invenzione : una grande  macchina da caffè a pressione di vapore capace di produrre centinaia di caffè all’ora.

Già Loysel nel 1861 aveva tentato la strada della produzione di caffè di massa con il suo enorme e certamente meno pratico percolatore idrostatico.

La differenza nella macchina di Moriondo stava tutta nella spinta del vapore in pressione (circa 1,5 bar) che conferiva al caffè un gusto decisamente nuovo: il sapore amaro e bruciato
Era nato il caffè Espresso.
Questa invenzione rivoluzi…

Sostituire la guarnizione di una caffettiera: il piccolo tutorial

Monitorando le chiavi di ricerca ho notato 2 cose:
tante persone non sono in grado di sostituire una guarnizione (mica siamo tutti esperti manutentori...)tante persone, anzi tantissime, vorrebbero sostituire la guarnizione della MokonaBialetti; il motivo non lo capisco visto che la mia Elektra spara da 4 a 6 caffè giornalieri da più di tre anni, e non l'ho mai sostituita. Possibile che si sia risparmiato anche sulla GOMMA durante la progettazione di quella incredibile macchina ??
Cambiare una guarnizione è molto semplice quando la macchina non è rimasta ferma per tanti anni: si fa leva con un coltellino (attenzione!) , la si toglie tutta intera, e si rimette la guarnizione nuova.
Poi vanno fatti un paio di caffè a vuoto, prima solo con acqua e poi con il caffè, per dare modo alla gomma di modellarsi e fare una buona tenuta.

L'amico Darril mi ha chiesto ieri lumi sulla sostituzione per una Ballarini, e viste le condizioni "granitiche" della mia guarnizione, ho colto la pa…

Come pulire e lucidare una caffettiera : il tutorial

Dopo aver ricevuto l'ennesima richiesta di documentare il mio personale metodo di pulizia delle caffettiere, ecco finalmente un piccolo tutorial.

Attrezzature occorrenti:
Ovatta lucidante Duraglit per metalli e per argentoPaglietta in ferro
Carta assorbente tipo ScottexGuanti in gomma (nitrile)Sapone liquido per piattiAlcool denaturatoStracci puliti
Una dose massiccia di pazienzaQualche litro di olio di gomito
La cavia in questo caso era una Stella anni '50 in discrete condizioni.

Il primo passo consiste nel valutare il grado di ossidazione del metallo e la quantità di grasso che normalmente ricopre le macchine tenute su qualche mensola in cucina.
Nel caso ci fosse uno strato di grasso eccessivo, suggerisco di effettuare più passate di carta assorbente ben intrisa di alcool.
Nei casi più disperati si può ricorrere a diluenti nitro o acquaragia.

Una volta sgrassato le parti si può procedere con la prima passata di ovatta.
Per certi tipi di alluminio preferisco l'ovatta specifica per …