Passa ai contenuti principali

Piccola mostra a Trieste, "la città del caffè".



Possono un pugno di vecchie macchine invogliare i miei amici lombardi ad affrontare parecchie ore di viaggio?
Oppure i miei amici e amiche emilian-romagnoli potrebbero fare una gita a Trieste solo per vedere un pò di ceramica e di metalli nobili ben assemblati ?

La mia risposta è si.

A Trieste, presso il Museo Commerciale di via San Nicolò 7, pochi fortunati potranno ammirare fino a marzo le macchine da me fotografate ieri mattina "al volo".

Pochi pezzi.
MA CHE PEZZI !!!

In uno spazio esiguo i curatori della mostra hanno esposto con cura e tanto gusto estetico delle piccole opere d'arte di deliziosa fattura.
Consiglio di cliccare sulle foto per godere di maggiori dettagli e particolari.

Sarei tentato di raccontare quel poco che conosco del signor Jean Baptiste Toselli, l'nventore di una delle più incredibili macchine da caffè di tutti i tempi: la Locomotiva Caffettiera .
Potrei citare per esempio il fatto che inventò un frigorifero per uso medico-militare da usarsi sui campi da battaglia.
Oppure svelare le sue doti di drammaturgo, quando nel 1878 scrisse le gesta di Catherine Ségurane, l'eroina di Nizza.
Lo sapevate che era anche Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, e che era un esperto del dialetto nizzardo?

State ancora leggendo?
LE FOTO !!!
Guardate quelle e sognate assieme a me.

La Locomotiva Caffettiera fu una miglioria estetica del metodo a sifoni già conosciuto e sviluppato dal sig. James R. Napier di Glasgow.
Sul lato destro trovava posto il recipiente dello zucchero.
La caldaia era il corpo centrale, ed il tubicino in vetro mostrava agli ospiti increduli il doppio passaggio, prima dell'acqua in un senso e poi dell'infuso di caffè nell'altro.

Qui sotto, ma la foto non le rende onore, possiamo adorare e rimanere in estasi d'innanzi alla più bella e lussuriosa macchina "Balance" che mi sia mai capitato di vedere.
Ogni millimetro meriterebbe una foto, con dei particolari e delle finiture degni della reggia di Versailles.

L'altra "Balance Regale" presenta la caldaia in ceramica di Limoges di un color
blu cobalto... commovente!

Altre macchine si susseguono, Napier, ad infusione francesi ed inglesi dipinte a mano
Macchine destinate ai ricchissimi, nobili e commercianti dell'800, che ostentavano la loro potenza anche offrendo una semplice tazza di caffè.

Belle, bellissime, rarissime e... molto ma molto care.
Tutte queste macchine raggiungono valori stratosferici e non si trovano in vendita su Ebay...

Tra le cose che mi hanno emozionato di più devo proprio segnalare il bicchiere rosso ciliegia della Napier nella sua forma più classica, con la boccia in vetro inclinata.

Un recipiente della Caffè Tergeste riporta con virile grafica il simbolo della mia amata città: l'alabarda.

E per finire una Vienna Confort, detta anche Fontana a Vapore: una macchina legata alle origini asburgiche di Trieste in grado di regalare ancor'oggi un caffè eccellente.

La mostra di per sè offre anche altre curiosità ed oggetti di rilevanza storica, ma se avessi proprio pubblicato tutto, vi avrei tolto anche quel pizzico di voglia di visitarla.

Andateci, è gratis, e questo non guasta mai...
Andateci, quando mai la rivedrete dal vivo una Toselli in ceramica con le farfalline?
Andateci, e poi cercate di corsa uno dei tanti bar che affollano Trieste, universalmente riconosciuta come la capitale dell'espresso, e bevetevi "un capo in b." alla mia salute.
Andateci.. e basta.

Post popolari in questo blog

Caffè: analisi della mancata evoluzione gustativa italiana (1884-1984)

Voglio sollevare un velo.
Voglio raccontare in breve una storia triste, sotto gli occhi di tutti da fin troppi anni.
E lo farò partendo da una domanda:
perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo?

Facilità d’uso. Costo dei materiali. Resa gustativa in tazza.

Perché il caffè-filtro è il metodo di preparazione del caffè più usato al mondo.. tranne che in Italia?

Partiamo con un po’ di storia…
Nel 1884 Angelo Moriondo (link)
presenta all’esposizione di Torino (link)
la sua invenzione : una grande  macchina da caffè a pressione di vapore capace di produrre centinaia di caffè all’ora.

Già Loysel nel 1861 aveva tentato la strada della produzione di caffè di massa con il suo enorme e certamente meno pratico percolatore idrostatico.

La differenza nella macchina di Moriondo stava tutta nella spinta del vapore in pressione (circa 1,5 bar) che conferiva al caffè un gusto decisamente nuovo: il sapore amaro e bruciato
Era nato il caffè Espresso.
Questa invenzione rivoluzi…

Sostituire la guarnizione di una caffettiera: il piccolo tutorial

Monitorando le chiavi di ricerca ho notato 2 cose:
tante persone non sono in grado di sostituire una guarnizione (mica siamo tutti esperti manutentori...)tante persone, anzi tantissime, vorrebbero sostituire la guarnizione della MokonaBialetti; il motivo non lo capisco visto che la mia Elektra spara da 4 a 6 caffè giornalieri da più di tre anni, e non l'ho mai sostituita. Possibile che si sia risparmiato anche sulla GOMMA durante la progettazione di quella incredibile macchina ??
Cambiare una guarnizione è molto semplice quando la macchina non è rimasta ferma per tanti anni: si fa leva con un coltellino (attenzione!) , la si toglie tutta intera, e si rimette la guarnizione nuova.
Poi vanno fatti un paio di caffè a vuoto, prima solo con acqua e poi con il caffè, per dare modo alla gomma di modellarsi e fare una buona tenuta.

L'amico Darril mi ha chiesto ieri lumi sulla sostituzione per una Ballarini, e viste le condizioni "granitiche" della mia guarnizione, ho colto la pa…

Come pulire e lucidare una caffettiera : il tutorial

Dopo aver ricevuto l'ennesima richiesta di documentare il mio personale metodo di pulizia delle caffettiere, ecco finalmente un piccolo tutorial.

Attrezzature occorrenti:
Ovatta lucidante Duraglit per metalli e per argentoPaglietta in ferro
Carta assorbente tipo ScottexGuanti in gomma (nitrile)Sapone liquido per piattiAlcool denaturatoStracci puliti
Una dose massiccia di pazienzaQualche litro di olio di gomito
La cavia in questo caso era una Stella anni '50 in discrete condizioni.

Il primo passo consiste nel valutare il grado di ossidazione del metallo e la quantità di grasso che normalmente ricopre le macchine tenute su qualche mensola in cucina.
Nel caso ci fosse uno strato di grasso eccessivo, suggerisco di effettuare più passate di carta assorbente ben intrisa di alcool.
Nei casi più disperati si può ricorrere a diluenti nitro o acquaragia.

Una volta sgrassato le parti si può procedere con la prima passata di ovatta.
Per certi tipi di alluminio preferisco l'ovatta specifica per …