lunedì 18 febbraio 2013

Elektra Microcasa Semiautomatica



"I had a dream."

Si, da quando ho iniziato a scoprire l'universo delle macchine espresso "da casa", un pensiero mi perseguitava: trovare un degno sostituto per la mia Elektra Microcasa a Leva.
Ed in cuor mio conoscevo già la risposta ai miei dubbi..
Ho atteso pazientemente, fino a quando non è arrivata, al prezzo e soprattutto nelle condizioni confacenti alle mie aspettative: comprensiva di base e macinino.
Traditore!
Il mondo degli appassionati della Leva (senza distinzione di marche) si chiederà il perchè di questa scelta.
Ve lo spiego subito, così evitiamo ogni tipo di equivoco:
il motivo è "il caffè".
Ebbene si, sono ancora alla ricerca del caffè perfetto.
Preparato però con una macchina unica nel suo genere.
Sono ancora nella fase della pulizia interna ed esterna: la macchina è del 2004 ed il precedente proprietario l'ha un pò maltrattata.
D'altronde siamo tutti capaci di comprare una macchina nuova!
Ma volete mettere la gioia di smontarla un pò alla volta per capire com'è fatta e come funziona?
Questa Meraviglia è fatta bene e funziona..bene.
Qui sotto vediamo il tamper costruito lo scorso anno dal Professor Moretto (che ringrazio nuovamente).
Quello originale in plastica (sottile!) è davvero imbarazzante e privo di ogni logica, ma come mi disse anni fa un caro amico "tanto dopo se un vòl se pol tòr quel che più ghe piase".
L'assieme filtro-portafiltro vale metà prezzo della macchina: pesante, corposo, con un manico in bakelite rossa veramente "lussurioso".
Qui sotto una delle mie tante prove: evitiamo commenti per cortesia, la perfezione arriverà.
Magari tra sei mesi. Ma arriverà, statene certi.

7 commenti:

  1. Lucio:

    What a beautiful Semiautomatica. And the portafilter costs half as much as the machine? You made a deal!

    RispondiElimina
  2. Google translator is really a crap! ahahah

    RispondiElimina
  3. Cosa dire....Meravigliosa anche per chi come me se ne intende poco,ma vederla anche solo in foto (per ora)è stato come vedere una ferrari,o uno di quegli oggetti che non ti stanchi mai di guardare,ed immagino che questa sia la ferrari delle macchine da caffè!!

    Complimenti LVX

    A presto
    Jimmy.

    P.S. Ora ho capito a cosa serve la patente di conduttore di generatori di vapore!!!!

    RispondiElimina
  4. Ahhh!
    Che invidia...!
    E' la mia "seconda macchina" preferita...
    Sua sorella chiede compagnia...
    Quando sarà a posto poi mi spieghi come si comporta...

    Ciao

    Alessio

    RispondiElimina
  5. It's a fantastic home machine, Lucio! Congrats!

    RispondiElimina

Simpatica intervista alternativa

 Buona lettura! 😁 https://mag.sensaterra.com/it/2021/01/14/il-collezionismo-piu-di-700-caffettiere-antiche/